Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, le nuove raccomandazioni del Consiglio Ue sui viaggi: via le restrizioni per tutti i vaccinati

Martedì 22 Febbraio 2022
Covid, le nuove raccomandazioni del Consiglio Ue sui viaggi: via le restrizioni per tutti i vaccinati
(Teleborsa) - Il Consiglio Ue ha adottato oggi una serie di raccomandazioni in merito alle restrizioni agli spostamenti in Europa per contenere i contagi da Coronavirus in cui suggerisce ai Paesi Ue "di revocare la restrizione temporanea dei viaggi non essenziali verso l'Unione per le persone vaccinate con un vaccino approvato dall'Ue o dall'OMS, a condizione che abbiano ricevuto l'ultima dose del ciclo di vaccinazione primario almeno 14 giorni e non più di 270 giorni prima dell'arrivo o abbiano ricevuto una dose di richiamo". Inoltre, si legge nel documento approvato dai ministri per gli Affari europei, "gli Stati membri dovrebbero inoltre revocare la restrizione temporanea dei viaggi non essenziali per le persone che sono guarite dal COVID-19 entro i 180 giorni precedenti il viaggio".

Per quel che riguarda le persone vaccinate con un vaccino approvato dall'OMS, gli Stati membri, si legge nelle raccomandazioni, potrebbero inoltre richiedere un test PCR negativo effettuato non più di 72 ore prima della partenza e potrebbero applicare misure supplementari quali la quarantena o l'isolamento. Un test PCR negativo prima della partenza potrebbe essere richiesto anche per le persone guarite dalla COVID-19, nonché per le persone che sono state vaccinate con un vaccino approvato dall'Ue ma che non sono in possesso di un certificato Ue o equivalente. In base al documento adottato a Bruxelles, anche i minori di età superiore ai 6 anni e inferiore ai 18 anni che soddisfano i requisiti stabiliti per gli adulti dovrebbero essere autorizzati a viaggiare.

L'ACI EUROPE (Airports Council International) e l'International Air Transport Association (IATA) hanno accolto con favore la raccomandazione del Consiglio dell'UE per i viaggiatori esterni che entrano nell'UE e hanno chiesto ulteriori azioni per aiutare a riavviare la connettività aerea. "Il nuovo regime si allinea alla Raccomandazione già adottata a gennaio in merito ai viaggi intra-UE, e rafforza così ulteriormente il principio dei criteri di viaggio basati sullo stato di salute personale dei viaggiatori piuttosto che sulla situazione epidemiologica del Paese o dell'area di partenza – si legge in una nota congiunta–. Sia gli aeroporti che le compagnie aeree hanno sottolineato il corpo di prove a sostegno di questo approccio, con una guida inequivocabile dell'Organizzazione mondiale della sanità insieme a ricerche di terze parti indipendenti che dimostrano che le restrizioni di viaggio hanno un impatto minimo o nullo sulla diffusione epidemiologica".

"Ora sappiamo oltre ogni dubbio che un regime basato sullo stato di salute personale dei viaggiatori è giusto per gli individui, per le economie e per le società. Non ci sono prove a sostegno di nessun altro approccio. Man mano che la ripresa sicura della connettività aerea accelera, è fondamentale che gli Stati membri attuino questa raccomandazione, apportando struttura, prevedibilità e armonizzazione a vantaggio di tutti. Li esortiamo a farlo", ha affermato Olivier Jankovec, Direttore Generale di ACI EUROPE.

"Accogliamo con favore questa logica Raccomandazione del Consiglio europeo. Un viaggiatore vaccinato al di fuori dell'UE dovrebbe essere trattato in modo non diverso da uno all'interno dell'UE. Mentre esortiamo gli Stati membri ad attuare questa raccomandazione come un passo importante verso una convivenza normale con questo virus, è importante che l'UE consideri una maggiore flessibilità nell'elenco dei vaccini approvati ", ha aggiunto Rafael Schvartzman, vicepresidente regionale della IATA per l'Europa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA