Crowdfunding immobiliare, Rendimento Etico: boom di raccolta a inizio 2022 (6,5 milioni

Martedì 1 Marzo 2022
Crowdfunding immobiliare, Rendimento Etico: boom di raccolta a inizio 2022 (6,5 milioni

(Teleborsa) - Più che triplicati gli investimenti nel settore del mattone per il crowdfunding in soli due anni, dai 18,6 milioni del 2019 di euro agli attuali 57,1 milioni, questi sono i numeri che emergono dal report di gennaio 2022 dell'osservatorio di Crowdfunding Buzz, che rispecchiano le previsioni del report dell'Osservatorio Crowdinvesting del Politecnico di Milano di luglio 2021. Quando nel 2017 i primi portali di crowdfunding immobiliare fecero la prima comparsa in Italia, molti furono gli scettici che giudicarono efficace questa forma di finanziamento in un mercato storico come quello del mattone, soprattutto per il reparto lending crowdfunding, ovvero quello finanziato da molteplici privati, che prestano i loro averi per poi vederseli restituiti entro un determinato periodo con tanto di interessi pre-pattuiti. Oggi, con i dati di tali investimenti, gli scettici non possono che ricredersi.

La possibilità per tutti di partecipare, anche senza avere grandi capitali, a un settore interessante come quello immobiliare è stata premiata dagli investitori soprattutto in termini di fiducia. La fiducia negli stessi che Rendimento Etico, fin dall'inizio della sua istituzione nell'aprile 2019, ha posto loro in uno scambio reciproco di interessi win-win dove la piattaforma promuove operazioni immobiliari realmente attuabili nei tempi promessi e gli investitori mettono a disposizione i loro risparmi per finanziare tali operazioni.

Così, se Rendimento Etico, a oggi, ha raccolto un totale di oltre 47 milioni di euro per 122 progetti, pari a più di 24,5 mila adesioni, lo deve, infatti, a una politica basata sul rispetto di quanto promesso nell'esposizione delle operazioni immobiliari presentate nella piattaforma: la restituzione dei capitali, con gli interessi, entro i tempi contrattuali previsti, a oggi avvenuta per ben 596 operazioni, per un totale di 17,8 milioni di euro.

Andrea Maurizio Gilardoni
, ideatore della piattaforma ha così spiegato il segreto del successo "Nonostante gli ultimi due anni abbiano comportato stop forzati alle pratiche burocratiche e ai cantieri, gli operatori proponenti, che fanno parte del nostro network di Case Italia, si sono letteralmente fatte in quattro per consolidare la fiducia dei prestatori, ristrutturando e vendendo gli immobili per tempo, anzi, in alcuni casi, anche molto molto prima".

La fiducia dei propri investitori è dovuta, quindi, anche al fatto che la piattaforma riesce ad anticipare la restituzione dei capitali grazie alla bravura dei propri operatori, che chiudono le attività di ristrutturazione e vendita degli immobili prima del termine massimo previsto. Questo permette conseguentemente di alzare la parametrizzazione della percentuale di interesse su base annua, e in alcuni casi addirittura con moltissimi di giorni di anticipo. In particolare 18 delle 59 operazioni concluse sono state restituite in anticipo, di cui le più eclatanti sono i 276 giorni per un appartamento a Cologno Monzese (MI), i 241 giorni a Meda (MB) e i 230 giorni a Macerata.

Lucijana Lozancic, CEO di Rendimento Etico, sempre sul tema della fiducia dichiara "Tutti i progetti pubblicati nella piattaforma hanno incluso relazioni legali, tecniche e documento di sintesi. Inoltre, nelle condizioni particolari di finanziamento, mettiamo a disposizione dei prestatori tre valutazioni: progetto, redditività del progetto e richiedente. Tutto consultabile già diversi giorni prima di effettuare il prestito. Anche questo fa la differenza, in quanto vogliamo essere trasparenti fin da subito, anche pubblicando il nostro manifesto etico". Nel 2021, Rendimento Etico ha visto raccogliere la cifra record per il crowdfunding immobiliare di 20,4 milioni d'euro per 54 operazioni e 10.158 adesioni di investimento e nel 2022, in due mesi, ha già finanziato 10 operazioni immobiliari per totali 6,5 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA