Dennis Mullenburg, CEO Boeing: la sicurezza è sempre la nostra più alta priorità

(Teleborsa) - "La sicurezza è la nostra massima priorità quando progettiamo, costruiamo e supportiamo i nostri aeroplani e Boeing continua a sostenere l'indagine e sta collaborando con le autorità per valutare nuove informazioni non appena disponibili". Lo ha dichiarato Dennis Mullenburg, Presidente e CEO di Boeing, in merito al tragico disastro del B737 MAX 8 che ad Addis Abeba ha provocato la morte delle 157 persone che si trovavano a bordo, preceduto cinque mesi fa dalla caduta in circostanze apparentemente simili di un primo "MAX 8" in Indonesia. Due incidenti allo stesso tipo di nuovo e innovativo aereo che ne hanno provocato la "messa a terra" nel mondo intero in attesa che vengano accertate le cause.

I Boeing 737 MAX (serie 7,8 e 9) costituiscono la più recente "famiglia" del più diffuso velivolo in assoluto nato nel lontano 1967 e costruito in diverse migliaia di esemplari di differenti serie, che ne hanno fatto l'aereo più diffuso del mondo. La "famiglia MAX", innovativa sotto molteplici punti di vista che dispone in primo luogo di motori dai consumi ridotto del 20% dalle più basse emissioni di CO2 nell'atmosfera possibili al momento, ha riscosso un immediato straordinario successo commerciale già sulla carta, con un numero di ordini che supera le 5.000 unità da parte di aerolinee di ogni parte del mondo, di cui poco più di 300 a oggi consegnate. Comprensibile quindi la "preoccupazione" del costruttore Boeing, e degli stessi Stati Uniti d'America con la necessità di "far presto" nel dare risposte certe ai tanti interrogativi in modo da eliminare ogni ragionevole dubbio sulla sicurezza d questi aerei.

"Innanzitutto esprimo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei passeggeri e dell'equipaggio che si trovavano a bordo del volo Ethiopian Airlines ET302 - ha esordito Mullenburg - e ribadisco come in seguito a qualsiasi incidente faccia parte della nostra pratica standard l'esame della progettazione e dell'utilizzo del nostro aeromobile e, quando necessario, mettiamo in atto i dovuti aggiornamenti sui prodotti per migliorare ulteriormente la sicurezza".

"Mentre gli investigatori continuano a lavorare per stabilire conclusioni definitive - ha aggiunto il CEO della casa di Seattle - Boeing sta finalizzando lo sviluppo di un aggiornamento software e una pilot training revision, come annunciato in precedenza, che riguarderà la MCAS flight control law in risposta a errate indicazioni dei sensori. Continuiamo inoltre a fornire assistenza tecnica come richiesto e sotto la direzione del National Transportation Safety Board (Ente americano per la sicurezza dei trasporti) che lavora con gli investigatori etiopi. In conformità con il protocollo internazionale, tutte le richieste relative alle indagini sugli incidenti in corso devono essere indirizzate alle Autorità investigative".

Martedì 19 Marzo 2019, 07:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP