Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gas Stati Uniti in Italia, da Augusta fino a Berlino: la rete per il metano Usa con i nostri rigassificatori

Giovedì 24 Marzo 2022 di Andrea Bassi e Gianni Bessi
Da Augusta fino a Berlino, la rete per il metano Usa con i rigassificatori italiani

Sabine Pass, Louisiana. Poche miglia dal Golfo del Messico. Da qui partono ogni giorno le navi gasiere di Cheniere, il più grande produttore americano di gas liquefatto. E il più grande esportatore. Attraverso la frantumazione delle rocce usando getti ad altissima pressione di acqua, riesce a produrre 133 milioni di metri cubi di gas al giorno. Che in un anno fanno quasi 50 miliardi di metri cubi. Cheniere non è l’unica Lng company. Da Venture Global a Tellurian, gli operatori del “fracking” hanno reso l’America energeticamente indipendente. E ora tendono la mano all’Europa.

Joe Biden ha promesso che una parte del gas scisto americano prenderà la rotta dei porti del Vecchio continente. Anche il Canada farà lo stesso. Un impegno che comporterà un’inversione di rotta rispetto al passato recente. L’export di gas americano negli ultimi mesi, si era rivolto verso l’Asia. La Cina soprattutto, che prima dello scoppio della guerra in Ucraina aveva “rastrellato” contratti con le società americane nonostante i rapporti tra Washington e Pechino fossero ai minimi storici. Mentre la Russia forniva sempre meno gas facendo salire il prezzo, e mentre la Cina si accaparrava la produzione americana con contratti a lungo termine, l’Europa è rimasta immobile.

Colta di sorpresa si è risvegliata con le mani e i piedi legati a Mosca, con il rischio futuro di trovarsi costretta a razionare l’energia ai suoi cittadini e con quello immediato di un costo insostenibile della stessa energia per le sue imprese. Il nodo è gordiano, ma i legami energetici con la Russia vanno sciolti. Su questo si stanno muovendo l’Europa, l’America e con loro l’Italia. Il gas americano è un tassello importante della nuova strategia. Una strategia che potrebbe fare dell’Italia un hub per portare il gas anche verso altre parti del Continente, a partire dalla Germania. Il 29 marzo i governi di Roma e Berlino firmeranno un «patto di mutuo soccorso». Un asse per fare in modo che il gas nei due Paesi non manchi anche se Putin dovesse decidere di chiudere i rubinetti.

LE MOSSE

Il governo italiano ha già dato mandato a Snam di noleggiare una nave e comprarne un’altra, da utilizzare come rigassificatori gallegianti. Le due navi che potrebbero essere posizionate a Piombino e Ravenna, posizione perfetta per rifornire l’industria del Nord Italia (anche se c’è l’ipotesi alternativa di Augusta in Sicilia), dovrebbero accogliere il gas che arriverà dagli Stati Uniti ma anche dal Qatar. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha quantificato tra 16 e 24 miliardi di metri cubi l’anno quelli che potrebbero arrivare in Italia grazie alla nuova capacità di rigassificazione. Probabile, però, che le due navi non bastino a questo scopo. Quelle che si trovano sul mercato (sono poche e oggi molto contese dai Paesi europei) hanno una capacità che in media non supera i 5 miliardi di metri cubi. Dunque il resto della capacità arriverà probabilmente da un rafforzamento dei tre rigasifficatori già presenti sul territorio italiano: Livorno, Rovigo e Panigaglia. Ci sarebbero ancora disponibili circa 4,5 miliardi di metri cubi all’anno, di cui però 2,5 miliardi di metri cubi all’anno nel sito di Panigaglia, che ha un vincolo derivante dalla possibilità di attracco di sole navi di piccola taglia. 

Il punto da chiarire riguarda soprattutto gli operatori che dovranno acquistare il gas da immettere nella rete: sarà aggiuntivo o sostitutivo di quello russo? Il tema dei contratti, molti dei quali con la Russia sono a lunga scadenza, non è secondario. Una volta entrato nella rete italiana, comunque, il gas americano, quello che arriva da Qatar, ma anche quello azero del Tap o algerino, potrà essere anche esportato verso la Germania. Snam ha investito nel «reverse flow». Significa che il flusso del gas che entra in Italia da Passo Gries può essere invertito. È già successo nelle scorse settimane, quando il costo di quello importato via Tap è diventato più conveniente ed è stato inviato alla Francia e alla Germania. 

LA POSIZIONE

L’Italia oggi, pur avendo meno rigassificatori della Spagna (che da questo punto di vista è energeticamente indipendente), si trova in una situazione più favorevole proprio per le sue interconnessioni con le reti europee. Due anni fa, infatti, il regolatore energetico francese Cre e la commissione nazionale spagnola per mercati e la concorrenza hanno respinto il progetto di interconnessione tra le reti proposto da Enagas e Terega, controllata francese di Snam. I rigassificatori italiani potrebbero poi aprire le porte europee al gas prodotto dal maxi giacimento egiziano di Zohr sviluppato dall’Eni. In tal senso l’impianto di liquefazione situato a Dalmietta, in Egitto, di proprietà della società Segas (50% Eni), con una capacità di 7,56 miliardi di metri cubi all’anno e fermo dal novembre del 2012, ha ripreso la produzione a marzo 2021. Più che il gas, la vera risorsa scarsa per l’Italia e i Paesi europei è il tempo. Nessuno sa quando i rubinetti russi si chiuderanno. E l’inverno, come citava una fortunata serie televisiva, si avvicina. Troppo rapidamente.

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 10:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA