Imu, mancata dichiarazione 2021 e 2022: tempo fino al 28 settembre per mettersi in regola

I contribuenti potranno usufruire fino a questa data del "ravvedimento operoso"

Imu, mancata dichiarazione 2021 e 2022: tempo fino al 28 settembre per mettersi in regola
Domenica 10 Settembre 2023, 09:41
2 Minuti di Lettura

Imu. I contribuenti che non hanno trasmesso entro il 30 giugno 2023 le dichiarazioni per gli anni 2021 e 2022 possono presentare la dichiarazione entro il 28 settembre 2023, avvalendosi del ravvedimento operoso.

Permessi legge 104 e congedi, nuove funzioni per le domande telematiche: le istruzioni Inps

Imu, la scadenza per il ravvedimento operoso

Anche all’imposta municipale unica, infatti, è applicabile l’istituto che consente di rimediare alle dimenticanze presentando la dichiarazione omessa entro 90 giorni dal termine ordinario (articolo 16 Dlgs n. 473/1997).

Le dichiarazioni Imu devono essere presentate in caso di variazioni rispetto alle dichiarazioni relative agli anni precedenti e in linea generale nei casi di variazioni non conoscibili dal Comune.

Quest’anno c’era una doppia scadenza per la dichiarazione Imu: entro il 30 giugno scorso doveva essere presentata sia la dichiarazione per l’anno 2022 che quella relativa al 2021 i cui termini erano stati differiti dal decreto Milleproroghe (articolo 3, comma 1, Dl n. 198/2022). Per regolarizzare la propria posizione tramite ravvedimento operoso, entro il 28 settembre i contribuenti devono presentare la dichiarazione Imu non trasmessa e versare altresì la sanzione minima prevista per l’omessa dichiarazione ridotta a un decimo del minimo, unitamente all’eventuale imposta dovuta e ai relativi interessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA