«Raddoppiano i rincari nel carrello della spesa». Inflazione e prezzi su, Istat: +1,9% nel 2021

Lunedì 17 Gennaio 2022
«Raddoppiano i rincari nel carrello della spesa». Inflazione e prezzi su, Istat: +1,9% nel 2021

Tornano a crescere l'inflazione e i prezzi al consumo, trainati dai prezzi delle materie energetiche: nel 2021, dopo la flessione del 2020 (-0,2%), i prezzi al consumo crescono del +1,9% in media d'anno, registrando l'aumento più ampio dal 2012 (+3,0%). Lo riferisce l'Istat precisando che la ripresa dell'inflazione nel 2021 è essenzialmente trainata dall'andamento dei prezzi degli Energetici (+14,1%), diminuiti invece dell'8,4% nel 2020. Al netto di questi beni, nel 2021, la crescita dei prezzi al consumo è la stessa registrata nell'anno precedente (+0,7%).

 

Raddoppiano i rincari nel carrello della spesa

Continuano a correre spediti i prezzi del cosiddetto carrello della spesa. Secondo le rilevazioni dell'Istat, a dicembre i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona raddoppiano la loro crescita da +1,2% a +2,4%. Quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto accelerano invece da +3,7% a +4,0%.

 

Prima casa, scatta l’obbligo di vendita per mantenere le agevolazioni fiscali

Contratti telefonici, le novità con il nuovo codice: contratti di massimo 24 mesi e recesso senza penali

 

Inflazione: a dicembre +0,4% su mese e +3,9% annuo

Nel mese di dicembre 2021, si stime che l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,4% su base mensile e del 3,9% su base annua (da +3,7% di novembre), confermando la stima preliminare. Lo rende noto l'Istat. In media, nel 2021 i prezzi al consumo registrano una crescita pari a +1,9% (-0,2% nell'anno precedente). L'"inflazione di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, è pari a +0,8% (+0,5% nel 2020) e al netto dei soli energetici a +0,7% (come nell'anno precedente).

L'Istat, nel commentare i risultati, sottolinea come nel 2021, dopo la flessione del 2020 (-0,2%), i prezzi al consumo tornano a crescere in media d'anno, registrando l'aumento più ampio dal 2012 (+3,0%). La ripresa dell'inflazione nel 2021 è essenzialmente trainata dall'andamento dei prezzi degli energetici (+14,1%), diminuiti invece dell'8,4% nel 2020. Al netto di questi beni, nel 2021, la crescita dei prezzi al consumo è la stessa registrata nell'anno precedente (+0,7%). L'inflazione acquisita o trascinamento per il 2022 (cioè la crescita media che si avrebbe nell'anno se i prezzi rimanessero stabili fino a dicembre) è pari a +1,8%, diversamente da quanto accaduto per il 2021, quando fu -0,1%.

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA