Intesa Sanpaolo e «Mangimi Liverini»
insieme per le piccole e medie imprese

Martedì 18 Gennaio 2022
Intesa Sanpaolo e «Mangimi Liverini» insieme per le piccole e medie imprese

Nell'ambito del «Programma Filiere», Intesa Sanpaolo e Mangimi Liverini S.p.a., con sede a Telese Terme (Benevento), hanno sottoscritto un accordo di collaborazione innovativa per l'accesso al credito delle aziende facenti parte del processo distributivo del noto marchio, le iader nei prodotti per l'alimentazione animale. «L'obiettivo dell'accordo tra Intesa Sanpaolo e Mangimi Liverini - si legge in una nota - è di dare sostegno al business dei fornitori per agevolare gli scambi commerciali e per supportare il rinnovamento delle strutture produttive. Un intervento che rientra nelle iniziative che la banca ha messo in atto in coerenza e a supporto degli investimenti legati al Pnrr».

Il progetto nasce dalla comune volontà di sostenere le piccole e medie imprese legate alla filiera con l'obiettivo di superare le difficoltà della pandemia e accrescere gli sbocchi nei vari mercati tramite prodotti finanziari innovativi. Ne potranno beneficiare i fornitori distribuiti su tutto il territorio nazionale. Da cinquantatré anni la Mangimi Liverini S.p.a. produce mangimi destinati agli animali da reddito, con linee specifiche adibite all'allevamento: un'offerta completa che si evolve in sintonia con le richieste del mercato.

Video

Le aziende della filiera sono 24 distribuite nelle province di Benevento, Caserta, Salerno, Avellino, Napoli, Campobasso, Potenza, Roma, Bari, Frosinone, che ricadono nel settore della fornitura delle materie prime, trasporti e servizi generali. Grazie al Programma Filiere di Intesa Sanpaolo, la banca vuole agevolare l'accesso al credito dei fornitori segnalati come strategici dal capofiliera, dedicando soluzioni finanziarie che possano facilitare l'internazionalizzazione e il rinnovamento delle strutture produttive, oltre alla realizzazione di progetti di crescita sul territorio generando ricadute a lungo termine.

«L'accordo di filiera siglato - sottolinea Massimiliano Cattozzi, responsabile Direzione Agribusiness Intesa Sanpaolo - si prefigge di sfruttare al meglio le potenzialità di sviluppo del settore zootecnico dando forza alla sinergia tra l'azienda capofila, i suoi fornitori e la banca. Un legame con benefici evidenti per tutte le parti coinvolte che si inserisce in una fase di transizione tecnologica e ambientale che queste aziende hanno necessità di intercettare, forti anche della spinta che gli interventi del PNRR daranno al Paese».

«L'approccio di Intesa Sanpaolo - aggiunge Filippo Liverini, pesidente Mangimi Liverini SpA - è particolarmente intelligente perché trasferisce ai singoli fornitori della nostra filiera, in un circuito virtuoso, le condizioni creditizie riconosciute alla capofila Liverini. Un'alleanza che consentirà ai nostri fornitori di ottenere un vantaggio in termini di reputazione bancaria per creare nuove opportunità di crescita per le aziende meno strutturate.

LEGGI ANCHE: Sanità in Campania, l'assessore Cinque: «Non ci sono guerre, regole uguali per tutti»

Il settore dell'agroindustriale vive un momento particolarmente favorevole: in Campania contribuisce significativamente al pil, passando dalla quarta alla seconda posizione come settore merceologico regionale nella classifica top 500 aziende Campane del 2020. Il progetto odierno intende dare senso a questo programma aprendo le porte alla sostenibilità e responsabilità sociale sollecitando le imprese delle filiere a diventare più attente e predisposte ai progetti di miglioramento e sviluppo del territorio, sia dal punto di vista ambientale che culturale».

Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio, 13:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA