Intesa Sanpaolo: nuova iniziativa per raccontare l'educazione finanziaria

Mercoledì 13 Ottobre 2021
Intesa Sanpaolo: nuova iniziativa per raccontare l'educazione finanziaria

Intesa Sanpaolo lancia il progetto “Psiche, emozioni e decisioni” con quattro appuntamenti online, in programma il 20, 21, 25 e 28 ottobre alle ore 18:00, per approfondire e raccontare l’educazione finanziaria con nuovi linguaggi e in modo appassionato, interattivo e divertente. L’Italia è tra i paesi con un grado di alfabetizzazione finanziaria più basso rispetto alla media e la crisi sanitaria ha aumentato timore e incertezza, portando le persone a un eccesso di cautela e all’immobilismo nelle scelte finanziarie. L’iniziativa, realizzata dal museo del risparmio in collaborazione con la divisione banca dei territori di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Taxi 1729, società di formazione e comunicazione scientifica composta da giovani matematici e fisici, ha l’obiettivo di consolidare il ruolo della banca come motore del cambiamento e di avvicinare le persone all’educazione finanziaria in maniera semplice e chiara.

In tutti gli incontri interverrà Giovanna Paladino, direttore e curatore del Museo del Risparmio, affiancandosi ai direttori regionali della banca dei territori Teresio Testa, Piemonte Nord, Valle d’Aosta e Sardegna, Giuseppe Nargi, Campania, Calabria, Sicilia, Luca Severini, Toscana, Umbria e Pierluigi Monceri, Lazio, Abruzzo, oltre ai ragazzi di Taxi 1729, che parleranno anche di scienza, in particolare di finanza comportamentale, in modo preciso, approfondito e divertente.

I webinar prenderanno il via il 20 ottobre con l’incontro dal titolo “Te l’avevo detto! Senno di poi e previsioni finanziarie” dove si affronterà il tema del saper riconoscere e imparare dai nostri errori. In questi ultimi mesi siamo passati in breve tempo dalla sensazione che «nulla sarà mai più come prima» a «è una situazione grave, ma mica possiamo bloccare tutto per mesi!». Come andrà a finire? Quel che è certo è che tra qualche mese in molti diranno «Lo sapevo, era ovvio, che sarebbe andata a finire così» e giudicheranno col senno di poi chi ha dovuto prendere decisioni in un momento così complesso. Anche in finanza il “pregiudizio del senno di poi”, spesso dovuto a un grado eccessivo di fiducia delle proprie capacità, spinge a seguire comportamenti sbagliati. Imparare dai propri errori per prendere le giuste decisioni è il tema al centro del primo webinar.

Video

Si prosegue il 21 ottobre con «Il coraggio di cambiare. Adattamento e resilienza» quando si parlerà di come sapersi adattare ai cambiamenti. La nostra vita nei prossimi mesi non sarà più la stessa, ma abituarci a essa sarà più facile di quanto sembri. Il segreto? La resilienza, il meccanismo che, anche in finanza, ci permette di adattarci al cambiamento. Spazio al coraggio di cambiare nel secondo webinar. Il terzo incontro «Le parole contano! Effetto framing e uso consapevole dell’informazione» è in programma il 25 ottobre e tratterà di come individuare le informazioni corrette e valutarle con spirito critico. Il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto? Entrambe le opzioni, ma il modo in cui si sceglie di descriverlo dice molto di come le persone lo vedono. In gergo si chiama “framing” ed è quel meccanismo per cui il modo in cui i fatti vengono raccontati e descritti incide sul giudizio che ne diamo. Anche nel campo dell’informazione finanziaria, è piuttosto frequente assistere a distorsioni dei dati: saper discernere l’informazione corretta e valutarla col necessario spirito critico è il tema al centro del terzo webinar.

Nell’ultimo appuntamento il 28 ottobre dal titolo «Rischio: istinto o ragione? Come decidere in condizioni di incertezza» si parlerà di come saper prendere decisioni consapevoli in condizioni di incertezza. Paura e fattori irrazionali influenzano la percezione del rischio, condizionando le decisioni finanziarie. Comprendere e riconoscere questi condizionamenti può aiutare a compiere le scelte di gestione del proprio denaro in modo consapevole, soprattutto in condizioni di incertezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA