Irpef, ecco come funzionano le detrazioni per il lavoro dipendente: beneficio fino a 1.880 euro l'anno

Sabato 21 Agosto 2021 di R.Ec.
Irpef, ecco come funzionano le detrazioni per il lavoro dipendente: beneficio fino a 1.880 euro l'anno

Un rimborso fino a 1.880 euro sull'Irpef direttamente in busta paga. È quanto si ritrovano molti lavoratori dipendenti mese per mese nel corso dell'intero anno. Si tratta dell'ordinaria detrazione per lavoro dipendente prevista dal testo unico delle imposte sul reddito. L'importo, che al massimo può arrivare a 1.880 euro in un anno, varia in base al tipo di contratto, ai giorni di lavoro effettuati nel corso dell'anno e in base al reddito complessivo.

 

Tasse, cambia l'Iva e addio Irap: semplificate anche le imposte

 

Detrazioni Irpef in busta paga, a chi spettano e come varia l'importo

 

L'agevolazione spetta a chi ha un contratto subordinato (a tempo determinato o indeterminato) e un reddito complessivo fino a 55mila euro (al di sopra si azzera). Quindi va a decrescere all'aumentare di questo valore. L'importo minimo è di 690 euro. Il massimo appunto, 1.880 euro, scatta  invece in caso di contratto a tempo indeterminato e un reddito complessivo entro gli 8mila euro.

 

Paolucci (Uil Rieti): «In 31 Comuni nessuna dichiarazione con redditi superiori a 75mila euro

 

Se il contratto è a tempo determinato, il minimo, sempre per una soglia di reddito entro gli 8mila euro, è di 1.380 euro. E' direttamente il datore di lavoro che applica la detrazione in busta paga mese per mese. Il dipendente non deve fare alcuna domanda per richiederlo.

Un’estate senza tasse per le partite Iva: Irpef al 10 settembre

 

 

Ultimo aggiornamento: 21:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA