Maltempo, milioni di danni a vigneti, mais e ortaggi: persi oltre 14 mld di euro in 10 anni a causa del "pazzo" clima

Mercoledì 28 Luglio 2021
Maltempo, milioni di danni a vigneti, mais e ortaggi: persi oltre 14 mld di euro in 10 anni a causa del "pazzo" clima

Il maltempo non si ferma.  Con le ultime bombe d'acqua, trombe d'aria e grandinate che hanno investito a macchia di leopardo le regioni del Nord Italia, salgono a milioni di euro i danni causati dal clima impazzito in una estate 2021 bollente e siccitosa in cui si contano però, fino ad ora, lungo tutta la Penisola già 556 eventi estremi secondo i dati dell'European Severe Weather Database (Eswd). È quanto emerge dall'analisi della Coldiretti in riferimento all'ultima ondata di maltempo che ha devastato campi di mais, kiwi, vigneti, e ortaggi.

Maltempo in Lombardia, a Como fiumi esondati e strade chiuse: 50 persone isolate per una frana

 

«Una vera calamità - sottolinea la Coldiretti - in un momento particolarmente delicato per le coltivazioni agricole con la raccolte in corso mentre ci si avvicina alla vendemmia». In particolare, rileva Coldiretti, la grandine «è l'evento più dannoso perché, dove ha colpito, ha distrutto in pochi minuti il lavoro di un intero anno come ad esempio in provincia di Lecco dove coltivazioni di mais e ortaggi sono stati mitragliati dai chicchi dopo la tempesta di acqua, vento e ghiaccio». In corso anche accertamenti sui tetti di stalle ed edifici colpiti dalle forti raffiche di vento. A essere colpito prima l'alto mantovano con danni a vigneti di Merlot, Cabernet e Chardonnay, ma anche a mais, kiwi, pomodoro flagellati dalla grandine e poi il biellese dove si è abbattuta una tromba d'aria. 

 

Maltempo in Lombardia, a Milano grandine e nubifragi. Gru crolla su un palazzo a Rozzano: evacuate 24 famiglie

«Siamo di fronte in Italia - sottolinea la Coldiretti - alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo». «L'effetto dei cambiamenti climatici con l'alternarsi di siccità e alluvioni non impatta solo sul turismo ma ha fatto perdere - conclude - oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti».

Ultimo aggiornamento: 29 Luglio, 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA