Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mercato dell'auto sprofonda: meno 100 mila auto in 3 mesi. Colpevoli gli incentivi sempre annunciati e mai attuati

Sabato 2 Aprile 2022 di Giorgio Ursicino
Auto in deposito

Un cumulo di macerie. A que- sto è ora ridotto il nostro mercato dell’auto. Un business che, fino a po- chi anni fa, era il quarto del mondo, dietro gli Stati Uniti, il Giappone e la Germania. Certo, le cose cambiano e si trascinano dietro classifiche e gerarchie. Per arrivare a tanto, però, è evidente che ci abbiamo messo del nostro, altrimenti non sarebbe stato possibile. Quando il professor Prodi era a Palazzi Chigi, amava ripetere: «Gli incentivi? È una cosa di cui non si parla. Si fanno. Altrimenti le vendite si bloccano». Una regola antica e, tutto sommato, semplice che, in una fase come questa piena di imprevisti ideali per catalizzare l’attenzione, è stata completamente ignorata. O al- meno dimenticata. E i dati di immatricolazione sono da brividi. Pensate che per ritrovare un trend annuale tanto disastroso (circa 1,1 milioni di vetture) bisogna tornare indietro al 1967, quando il boom dell’auto si doveva ancora concretizzare. Un film. Dell’horror.

In Italia nel mese di marzo (storicamente uno dei migliori) sono state consegnate la “miseria” di 119.497 vetture, il 29,7% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso (in piena pan- demia) ed il 38,5% in meno se confrontato con le stesso periodo del 2019 prima che arrivasse il virus. Non si tratta di un picco, ma di una tendenza visto che le cose nel trimestre non sono andate molto meglio: 338.258 targhe, un crollo rispettiva- mente del 24,4% e del 37,1%. Possibile che questa caduta libera possa dipendere solo dagli incentivi quotidianamente annunciati ma mai attuati? Certo che no. Le variabili che hanno inciso sull’andamento sono numerose, dalla pandemia alla guerra, fino a quella “sciocchezza” della transizione energetica che ha cappottato( in bene?) il mondo dell’auto. Se avessimo avuto, come sarebbe dovuto essere, gli ecobonus strutturali e non quelli fantozziani a singhiozzo, potevamo contenere le perdite.

In effetti non è difficile da capire che, in un periodo poco allegro come quello attuale, non molti si vanno a comprare l’automobile se, la settimana successiva, si possono risparmiare qualche migliaio di euro. Fin qui il danno, ma non è detto che non segua la beffa. Ascoltando i punti di vista di nume- rose associazioni del settore, non è mica detto che l’arrivo degli incentivi placherà la polemiche. Eppure adesso dovrebbero essere strutturali, durare diversi anni e coinvolgere cifre di tutto rispetto (quasi 100 milioni al mese). Il focus è su come farli. Non tutti la pensano alla stessa maniera e la soluzione adottata potrebbe non essere quella giusta, soprattutto del punto di vista ambientale. Certo, per un paese che ha messo l’ecologia ai primi posti, introdurre degli ecobonus che non hanno come priorità la qualità dell’aria potrebbe sembrare un presa in giro. Quantomeno dovremmo cambiare nome i bonus che qualcuno pur aiuteranno.

I punti caldi sono già sotto i riflettori. La cifra, ma soprattutto il tetto di spesa, abbassato in confronto a quelli dello scorso anno potrebbero mettere fuori gioco numerosi modelli per- ché, si sa, le auto elettriche non sono proprio economiche. Poi non èf acile da capire fra le ricaricabili perché le plug-in potrebbero ricevere un bo- nus superiore alle “full electric” che sono molto più pulite. Infine un aspetto non di poco conto. Sarebbero escluse dagli incentivi la persone giuridiche che rappresentano da anni una importante quota di mercato. E sulle nuove tecnologie potrebbe essere ancora più consistente perché per stare tranquilli i clienti scelgono più il noleggio a lungo termine che l’acquisto. Il presidente dell’Unrae Michele Crisci propone giustamente di alzare la detraibilità (siamo già da anni in deroga sulla direttiva europea) delle auto molto ecologiche fino ad arrivare al 100% su le “zero emission”. Sembra una buona idea.

Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 17:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA