Multicedi, nuovo Cda: Ragozzino presidente, Messina amministratore delegato

Mercoledì 21 Ottobre 2020

Il gruppo Multicedi continua la sua opera di riorganizzazione societaria con importanti conferme e nuovi inserimenti. Il primo player della Grande Distribuzione in Campania rinnova la fiducia al presidente Pietro Ragozzino e nomina Luigi Irollo nuovo vicepresidente. Contestualmente Claudio Messina, amministratore delegato di Multicedi dal 1993 al 2000, ritorna nuovamente in questo ruolo dopo 20 anni per sugellare un cambio di governance e di trasformazione all'interno del gruppo.

Il Cda è composto da Antonello Catania; Luigi Irollo; Augusto Lombardi; Barbaro Messina; Claudio Messina; Ciro Moccia; Antonio Montanino; Giancarlo Papallo; Pietro Ragozzino; Antonio Rea; Antonio Siciliano.

«Multicedi - spiega Ragozzino - è sul mercato dal 1993. In questi anni ha rappresentato una parte fondamentale della nostra vita imprenditoriale e desidero ringraziare tutto il CdA per la fiducia accordata per questo nuovo mandato». Multicedi, spiega Messina, «desidera rispondere alle sfide del mercato e rafforzare ulteriormente la propria posizione di leader in partnership con il Gruppo Végé, il più grande network italiano nelle attività di convenience, con oltre 3.500 pdv. L'obiettivo è garantire ai nostri clienti servizi ed esperienze di acquisto in linea con i tempi. Occorre valorizzare la lunga storia di Multicedi e traghettarla nel futuro attraverso la digitalizzazione e la collaborazione perché questo nuovo assetto organizzativo richiede un grandissimo lavoro di squadra».

Il piano industriale 2021-2023, conclude Messina, «si focalizza su competitività, punti vendita, interregionalità e MDD. Proprio su quest'ultima, si concentrano gli sforzi più importanti attraverso la creazione di Decò Italia la nuova Società Consortile in partnership con il Gruppo Arena». Claudio Messina fa parte della terza generazione di una famiglia di imprenditori attivi nel mondo della distribuzione campana. È Consigliere d'amministrazione nel Gruppo Végé Italia dal 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA