Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nissan, ritorno all’utile dopo 3 anni: 1,5 mld di euro. Sfrutta svalutazione yen, migliori margini e aumento vendite in Usa

Giovedì 12 Maggio 2022
Una sede Nissan in Giappone

TOKYO - La svalutazione dello yen e l’aumento delle immatricolazioni negli Stati Uniti spingono i risultati della Nissan, che torna alla redditività per la prima volta negli ultimi tre anni. Nell’esercizio fiscale terminato a fine marzo l’utile netto si assesta a 215 miliardi di yen (1,58 miliardi di euro), dopo una perdita di 448,8 miliardi di yen registrata l’anno precedente, mentre i profitti operativi raggiungono i 247 miliardi di yen. La casa auto nipponica ha spiegato di esser riuscita ad assorbire l’impatto dei rialzi dei prezzi delle materie e un ridimensionamento dei volumi di vendita, grazie al deprezzamento dello yen, ai minimi degli ultimi 20 anni sul dollaro, e il miglioramento dei margini per le vetture di alta fascia.

Nell’anno fiscale in corso Nissan stima un lieve aumento dell’utile operativo a 250 miliardi di yen (+1,1%), e una crescita delle vendite di 4 milioni di unità, grazie al lancio dei nuovi modelli, e il graduale miglioramento delle forniture di semiconduttori per il comparto. «Ci attendiamo un anno pieno di sfide a giudicare dall’attuale panorama internazionale», ha ammonito il presidente Makoto Uchida in una conferenza stampa, riferendosi al conflitto in corso in Ucraina, l’ascesa dei prezzi delle materie prime e le incertezze post Covid sulla logistica legata al lockdown in Cina.

Sotto la guida di Uchida la casa costruttrice nipponica ha tentato di lasciarsi alle spalle i postumi dell’era Ghosn, associata all’eccesso di capacità produttiva, intensificando le cooperazioni per lo sviluppo della mobilità sostenibile, e una ripresa del dialogo con la partner Renault. Le due aziende, assieme alla Mitsubishi, investiranno circa 23 miliardi di euro in un progetto tecnologico avanzato sui motori elettrici nei prossimi 5 anni, che include l’introduzione dei 35 nuovi modelli di automobili entro il 2030.

Ultimo aggiornamento: 13 Maggio, 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA