Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Obbligo vaccinale, arrivano le multe agli over 50 no-Vax

Venerdì 8 Aprile 2022
Obbligo vaccinale, arrivano le multe agli over 50 no-Vax

(Teleborsa) - L'obbligo vaccinale per gli Over 50 prevede una multa di 100 euro per chi non si è messo in regola. Sanzione che sarà regolarmente notificata dall'Agenzia delle Entrate una volta completate le verifiche.

Il ministero della Salute si è incaricato di inviare gli elenchi delle persone non vaccinate: una platea di 1,8 milioni di over 50, ma di questi 800 mila sarebbero guariti dal Covid e quindi "giustificati", ma dovranno comunque comunicare alle ASL la motivazione della mancata vaccinazione con una procedura che non sembra sia molto agevole.

A quanto pare sarebbe al via l'invio della prima tranche di 600mila avvisi che andranno ai No-Vax veri e propri, ma anche a chi non avrà completato la procedura, essendosi fermato alla prima o seconda dose. Va ricordato che l'obbligo di vaccinazione è imposto a tutti coloro che hanno compiuto o compiranno 50 anni entro il 15 giugno, data in cui scadrà l'obbligo assieme al venir meno delle disposizioni che lo hanno posto.

Una volta ricevuto l'avviso si potrà pagare subito oppure attendere 10 giorni per inviare alle ASL di zona le motivazioni della mancata o incompleta vaccinazione (esenzione, o altre cause ostative compreso l'aver contratto il Covid). E nello stesso tempo il destinatario della cartella dovrà comunicare all'Agenzia delle Entrate di aver mandato alla ASL le motivazioni per la mancata vaccinazione. Quest'ultima avrà altri 10 giorni per comunicate all'Agenzia delle Entrate la validità o meno della giustificazione, per chiudere la procedura o andare avanti con la contestazione, in caso di motivazione non idonea. Entro i successivi 180 giorni l'Agenzia delle Entrate notificherà all'interessato l'addebito con PEC o raccomandata ed avrà valore di titolo esecutivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA