Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Open Fiber si espande in Campania: connessione ultraveloce in 11 nuovi comuni

Martedì 26 Aprile 2022
Open Fiber si espande in Campania: connessione ultraveloce in 11 nuovi comuni

Navigare a una velocità mai raggiunta prima, cioè con la fibra ottica che arriva direttamente nelle case, nelle scuole, nelle aziende e negli uffici pubblici. Un servizio, così come accade nelle grandi città, a cui possono accedere adesso tra gli altri anche gli abitanti di Aquilonia, Ascea, Caggiano, Casal Velino, Forino, Limatola, Montecalvo Irpino, Padula, Sanza, San Valentino Torio e Villa di Briano. Open Fiber sta infatti realizzando nelle cosiddette aree bianche oggetto dei tre bandi Infratel, con il contributo economico delle Regioni coinvolte, un’infrastruttura che punta a ridurre il divario digitale fornendo servizi di connettività a banda ultra larga in oltre 8,5 milioni di abitazioni in tutta Italia.

Nelle 11 località campane, Open Fiber ha realizzato una nuova rete estesa complessivamente per oltre 250 chilometri: in totale si contano al momento 32.500 unità immobiliari connesse attraverso un’infrastruttura che rimarrà di proprietà pubblica e sarà gestita in concessione da Open Fiber per 20 anni. Il piano dell’azienda nelle aree bianche coinvolge oltre 7mila comuni in tutta Italia. Sono inoltre 115 le sedi pubbliche raggiunte dalla nuova rete a banda ultralarga, a cominciare da istituti scolastici di ogni ordine e grado e presidi sanitari. Senza dimenticare sedi municipali centrali e distaccate, biblioteche, musei, caserme di carabinieri e vigili del fuoco. In un territorio così vario come quello campano, non potevano poi mancare sedi già cablate dall’alto valore storico-culturale: su tutte la Certosa di Padula e il Parco archeologico di Velia ad Ascea, entrambi beni atrimonio dell’umanità Unesco.

«La Campania – dichiara l’assessore alla ricerca, innovazione e startup, Valeria Fascione – ha investito negli ultimi anni circa 300 milioni di euro nel digitale di cui oltre 130 milioni per la realizzazione del piano per la banda ultralarga. Questi decisivi interventi pongono la Regione ai primi posti nello sviluppo tecnologico e nell’utilizzo delle risorse comunitarie, creando le condizioni per l’offerta di nuovi servizi digitali anche grazie alla presenza di un importante ecosistema di startup e pmi ad alto contenuto innovativo. La transizione digitale è quindi già una realtà per cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni della Campania».

 

«Circa 150mila unità immobiliari già cablate in tutta la Regione – sottolinea Roberto Renna, regional manager Campania e Basilicata di Open Fiber – 166 comuni coperti dalla nuova rete in fibra ottica Ftth - Fiber-to-the-home -, un indotto che supera le 850 risorse sul campo tra tecnici specializzati e altre figure professionali. I numeri del piano Bul in Campania, intervento in chiusura nel 2023, mostrano che la trasformazione digitale è un obiettivo più che raggiungibile quando istituzioni, imprese e cittadini marciano nella stessa direzione. Poter navigare su internet alla massima velocità nel centro di Napoli o Salerno così come nei borghi montani o nelle isole del Golfo è adesso una realtà consolidata, ulteriore attrattiva e fattore di sviluppo di una terra unica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA