Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pandemia torna a correre in Europa, allarme OMS

Giovedì 4 Novembre 2021
Pandemia torna a correre in Europa, allarme OMS

(Teleborsa) - Filtra preoccupazione dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per il ritmo in cui ha ripreso a diffondersi la pandemia da Covid in Europa. Si stima che - da qui a febbraio - si potrebbe registrare un altro mezzo milione di morti nel Vecchio Continente.


"Siamo, di nuovo, all'epicentro" della pandemia, ha detto il direttore per l'Europa dell'Oms, Hans Kluge. "L'attuale ritmo dei contagi nei 53 paesi della regione europea suscita forte preoccupazione", ha detto in conferenza stampa, aggiungendo che una proiezione affidabile lascia prevedere "un altro mezzo milione di morti da covid-19" entro febbraio se l'attuale tendenza dovesse continuare.

Numeri alla mano, per la quinta settimana consecutiva, i casi sono aumentati. Nel Vecchio Continente il dato sui nuovi malati ha fatto registrare negli ultimi 7 giorni un aumento del 6%, il dato più alto a livello globale.

Torna, dunque, ad alzarsi la guardia: dalla Germania al Regno Unito passando per la Francia che, per la prima volta da metà settembre, nelle scorse ore ha superato la soglia dei 10mila nuovi casi di Covid in 24 ore. Le autorità sanitarie hanno registrato, nel dettaglio, 10.050 contagi e 35 morti. Curva in crescita - ma ancora sotto controllo - anche nel nostro Paese: ieri sono stati oltre 5mila i nuovi casi in 24 ore.

Ieri, intanto, via libera ella Commissione AIFA al richiamo a 6 mesi dalla prima dose per i vaccinati con Johnson & Johnson. La seconda dose di vaccino verrà effettuata con un vaccino a mRna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA