Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reddito di cittadinanza, conguagli ad aprile: ecco a chi viene tagliata la rata

Mercoledì 6 Aprile 2022
Reddito di cittadinanza, conguagli ad aprile: ecco a chi viene tagliata la rata

Reddito di cittadinanza, alcuni beneficiari del sussidio potrebbero avere ad aprile la rata ridotta a causa delle nuove regole per calcolare l'assegno che da gennaio tiene conto anche di prestazioni assistenziali come le maggiorazioni sociali e la cosiddetta Quattordicesima. È quanto emerge da una nota Inps.

I BENEFICIARI

Sulla mensilità di marzo (in pagamento ad aprile), si legge nella nota dell'Inps, per alcuni beneficiari di Reddito e pensione di cittadinanza, «sarà applicato un conguaglio a compensazione di quanto ricevuto in più nel mese di febbraio, per la mancata applicazione del ricalcolo dell'assegno in presenza di altre prestazioni assistenziali». L'Inps assicura che «il debito sarà rateizzato e sarà garantito un importo minimo nei casi di conguagli negativi superiori all'importo della rata stessa. Le operazioni di conguaglio - precisa - si concluderanno nei prossimi giorni».

Furbetti del reddito, ottengono 27mila euro senza averne i titoli: 5 denunciati

IL CALCOLO

Da gennaio, aveva chiarito l'Inps in un messaggio pubblicato a febbraio, per calcolare l'importo del reddito e della pensione di cittadinanza rientrano anche le maggiorazioni sociali, ovvero gli incrementi delle pensioni spettanti ad alcune categorie di soggetti che hanno determinate condizioni reddituali compresa la cosiddetta Quattordicesima.

Non rientrano nel reddito invece prestazioni come l'indennità di accompagnamento. «In conseguenza dell'applicazione della nuova disciplina - scriveva l' Inps - possono verificarsi variazioni nell'importo della rata della prestazione Rdc/Pdc rispetto a quanto percepito in precedenza, in particolare nelle situazioni in cui sono superate le soglie previste dalla norma, decadenza dal beneficio, reiezione della domanda presentata in fase di prima istruttoria». 

Reddito cittadinanza, 1,1 milioni di nuclei familiari con importo medio a 583 euro

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 15:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA