Reddito di cittadinanza, Di Maio: con una casa 200 euro in meno, con due niente assegno

ARTICOLI CORRELATI
Reddito di cittadinanza decurtato se si possiede una casa e niente assegno nel caso se ne abbiano due. Lo ha detto il vicepremier, Luigi Di Maio, durante la registrazione del programma Quarta Repubblica su Rete4. 

Sul calcolo «agiamo sulla prima casa: il reddito verrà decurtato di 200-280 euro per chi è proprietario di prima casa, chi ha due case vedrà sicuramente il suo Isee schizzare in alto» e probabilmente «non accederà al reddito di cittadinanza». 

«Il Rei non ha funzionato perché si basava sul fatto che la persona che andava al comune faceva un'autocertificazione. Il reddito lo facciamo su incrocio delle banche dati. Sarà tutto digitalizzato e si baserà sull'incrocio delle informazioni», ha poi aggiunto Di Maio.

«Le auto delle famiglie degli italiani non possono essere tassate. Penso che bisogna stimolare di più gli investimenti non solo nelle auto private ma anche nel mondo del car sharing. Tutto quel mondo va riconvertito in elettrico e ibrido», ha sottolineato ancora Di Maio.

Il premier Giuseppe «Conte porterà a casa le legge di Bilancio» nelle trattative con la Commissione Europea, ha poiasicurato il vicepremier, sottolineando che «l'ottimismo aumenta». «L'Europa non ci metterà in procedura d'infrazione», ha aggiunto Di Maio. «Manterremo le promesse. Siamo stati particolarmente zelanti con questa legge di bilancio, abbiamo messo tanti soldi per quota 100 e tanti per reddito cittadinanza», ha spiegato il vicepremier. «Da relazioni tecniche potrebbe venir fuori che servono meno soldi di quello che avevamo previsto e così potremo fare più investimenti o diminuire la quota di deficit», ha concluso Di Maio.

 
Lunedì 10 Dicembre 2018, 19:36 - Ultimo aggiornamento: 10-12-2018 20:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP