Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coca-Cola via dalla Russia, arrivano le bibite della penisola di Yamal (dopo 50 anni)

Martedì 22 Marzo 2022
Coca-Cola via dalla Russia, arrivano le bibite della penisola di Yamal (dopo 50 anni)

L'azienda Arctic Water della penisola di Yamal sta lavorando per espandere la sua gamma di prodotti: in contrasto all'azienda americana Coca-Cola - che ha lasciato il mercato russo - verranno prodotte delle bibite molto simili a quelle del brand a stelle e strisce. 

A riportare la notizia, il sito ufficiale del governo Ynao (il circondario autonomo Yamalo-Nenec è un'entità amministrativa della Russia che dipende dall'Oblast di Tjumen ndr.)

Il direttore generale dell'impresa Arctic Water Segey Kara ha spiegato il motivo di tale scelta: «Abbiamo sentito la differenza di valùta rispetto ai nostri fornitori e la carenza di ingredienti che sono importati dall'estero.
Ma gli stessi fornitori hanno già individuato nuove catene di approvvigionamento e i prezzi stanno tornando alla normalità, più o meno. Le grandi aziende straniere stanno lasciando il mercato, il nostro compito è dunque di colmare le carenze di prodotti».

Video

Il dirigente russo sottolinea che la sua azienda sta già lavorando per espandere la gamma di aromi all'interno dei soft-drink: «Non solo il gusto Coca-Cola, ma anche dragoncello, arancia e limone». Benché l'impianto Arctic Water operi a Yamal da decenni, la nuova produzione della Coca-Cola locale et simili, sarà un trampolino di lancio per l'azienda che è sempre stata famosa per l'acqua: solo negli ultimi cinque anni, il volume di produzione dell'impresa è raddoppiato.

LEGGI ANCHE Avramenko: «Ribaltiamo la grammatica per sminuire la Russia»

La risposta russa è arrivata dopo gli episodi di inizio marzo, quando la Coca-Cola, che oltre all'omonima bibita, produce le bevande Fanta e Sprite, ha annunciato la sospensione delle attività in Russia.
In seguito, PepsiCo (produttore di Pepsi, 7Up, bibite Mirinda, nonché succhi Ya, Fruktovy Sad e J7, ndr.) ha annunciato che avrebbe interrotto la pubblicità e la vendita di bevande nella Federazione Russa.

Eppure, nel 1969 nacque «Bajkal» come risposta sovietica alla Coca-Cola: la bibita, poi, cambiò la ricetta quando nel 1973 arrivò la Pepsi in Unione Sovietica. Chissà se l'azienda ne approfitterà per rispolverare la ricetta e produrre così la nuova Coca-Cola russa.

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 19:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA