Scooter elettrici, Ola Electric Mobility apre fabbrica in India per sole donne: 10mila operaie a pieno regime

Martedì 14 Settembre 2021
Scooter Ola Electric Mobility

NEW DELHI - Sarà interamente al femminile la forza lavoro che verrà assunta dalla società indiana Ola Electric Mobility nella sua FutureFactory, lo stabilimento inaugurato nei giorni scorsi in Tamil Nadu che produrrà gli innovativi scooter elettrici. Lo ha annunciato il co-fondatore di Ola, Bhavish Aggarwal. Si tratterà della più grande «fabbrica al femminile del mondo» e dell’unico insediamento a livello globale ad occupare solo donne nel settore dell’automotive, ha detto Aggarwal. A regime, cioè entro la fine del 2022, la fabbrica impiegherà 10.000 operaie - il primo gruppo delle quali ha iniziato il lavoro questa settimana - e dovrebbe produrre 10 milioni di scooter elettrici all’anno.

«La decisione fa parte della nostra nuova strategia: promuovere la forza lavoro femminile e offrire opportunità economiche alle donne», ha aggiunto Aggarwal, citando uno studio secondo il quale offrire la parità alle donne nel mondo del lavoro può far aumentare il Pil del paese del 27%. Fondata nel 2019, la Ola Electric Mobility è uno spin-off di Ola, la compagnia di passaggi in auto e in moto prenotabili via smartphone che - nata nel 2010 - ha conquistato il mercato indiano e ha già oltrepassato i confini nazionali per espandersi in altri Paesi, tra cui l’Australia e il Regno Unito. Alla guida di Ola Electric Mobility è stato chiamato Jose Pinheiro, ex vice presidente alla General Motors, e qualche mese fa l’azienda ha annunciato l’intenzione di quotarsi in borsa.

Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 13:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA