Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spread, scudo Bce. La Fed alza i tassi dello 0,75% (per la prima volta dopo il '94)

Mercoledì 15 Giugno 2022
Spread, scudo Bce. La Fed alza i tassi dello 0,75% (per la prima volta dopo il '94)

 Grandi decisioni ieri da parte delle banche centrali di Europa e Stati Uniti. Ieri sera la Federal Reserve americana ha accelerato la stretta con la manovra più aggressiva degli ultimi 30 anni aumentando i tassi d’interesse di 0,75 punti base. In mattinata la Banca centrale europea era corsa ai ripari e, in una rara riunione d’emergenza convocata all’ultimo, ha annunciato uno scudo anti-spread in risposta alle tensioni degli ultimi giorni sui mercati con epicentro l’Italia. 

IL NUOVO SCUDO ANTI-SPREAD

Al termine dell’incontro, il consiglio direttivo dell’istituto di Francoforte ha ufficializzato le anticipazioni già circolate e ridato fiducia alle principali Borse europee dopo sei sedute consecutive in rosso in seguito all’aumento dei tassi annunciato una settimana fa. La Borsa di Milano ha chiuso la giornata da prima della classe con un recupero del 2,8%. La decisione ha allentato la pressione sul differenziale tra Btp e Bund, crollato a 216 punti. Anche il rendimento del Btp decennale è sceso sotto quota 4% superato abbondantemente nella giornata precedente, valore massimo dalla fine del 2013. La Bce è voluta intervenire dando mandato ai suoi uffici di «accelerare il completamento di un nuovo strumento contro la frammentazione» dei mercati finanziari che andrà poi sottoposto al consiglio direttivo già nella riunione del 21 luglio, quando è attesa la formalizzazione della stretta dell’Eurotower. 
 

 

IL MECCANISMO
Nell’attesa, per frenare l’allargamento eccessivo degli spread e contenere il rialzo dei rendimenti, la Bce si è rivolta a uno strumento già presente nel suo arsenale e ha attivato la flessibilità nei reinvestimenti dei rimborsi in scadenza previsti dal Pepp, il Quantitative easing pandemico del valore di circa 1.700 miliardi di euro appena arrivato al capolinea. «E se anche questo non dovesse bastare, ricorreremo a un altro strumento per affrontare la frammentazione dell’Eurozona», ha affermato pure un falco come il banchiere centrale olandese Klaas Knot.
Mettere al sicuro i Btp con un solido scudo anti-spread rientra nella strategia di normalizzazione di Francoforte, e «non impedisce la nostra politica monetaria - ha chiarito il membro italiano del comitato esecutivo Fabio Panetta, intervenendo ieri in una riunione della commissione Affari economici del Parlamento Ue - ma è condizione necessaria per portare l’inflazione di nuovo al 2%», l’obiettivo simmetrico nel medio termine che la Bce si è data un anno fa. 
 

 

NEGLI USA
Intanto, come atteso dal mercato, la Federal Reserve ha deciso di alzare il costo del denaro negli Usa dello 0,75%. La Banca centrale americana ha definito ieri l’aumento dei tassi più oneroso dal 1994, portandolo alla forchetta 1,50%-1,75%. La Fed ha fretta di recuperare il terreno perduto. Nelle ultime settimane una dopo l’altra, le massime autorità finanziarie del paese hanno ammesso di aver mancato le previsioni sull’inflazione. L’economia statunitense era stata la prima a riprendersi dopo il picco della pandemia, e la domanda dei consumatori restava alta. La segretaria al Tesoro Janet Yellen, il direttore della Fed Powell e il ministro per il Lavoro Marty Walsh avevano tutti giurato lo scorso inverno che l’inflazione sarebbe presto tornata nei ranghi, e che per la fine dell’anno si sarebbe allineata al 2% fissato nella bussola della Fed. Lo scoppio della guerra in Ucraina, lo sviluppo di nuove varianti del Covid e l’ingorgo globale nella distribuzione delle merci li hanno clamorosamente contraddetti. A maggio l’indice dei prezzi è salito dell’8,6% e le previsioni della stessa Fed per la fine 2022 sono ora al 5,2%.  Che Wall Street avesse già scontato l’aumento è del resto provato dal fatto che ieri sera l’indice Dow Jones ha chiuso con un guadagno dell’1% mentre il Nasdaq del 2,5%. L’azione della Fed è comunque destinata a proseguire con nuovi rincari dei tassi, qualora tra qualche settimana l’indice dei prezzi non avrà curvato verso il basso.

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 11:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA