Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sicurezza sul lavoro: Assistal, impegno costante per la diffusione di un’autentica cultura della sicurezza

Venerdì 29 Aprile 2022
Sicurezza sul lavoro: Assistal, impegno costante per la diffusione di un’autentica cultura della sicurezza

Il lavoro lodevole fatto finora non è un punto di arrivo: la sicurezza sul lavoro, infatti, non si raggiunge una volta per sempre. La sicurezza per le imprese dell’installazione e manutenzione di impianti tecnologici, dei servizi di efficienza energetica e del facility management è un principio cardine alla base della nostra natura imprenditoriale: le nostre aziende operano nei cantieri e, pertanto, insieme ai lavoratori sono impegnate quotidianamente in complesse attività - ad alto rischio - e sulle quali è necessario garantire standard di sicurezza. La complessità, inoltre, è data anche dal necessario raccordo e valutazione dei rischi propri del committente o degli altri operatori presenti in cantiere, circostanze queste che ci impongono verifiche molto attente e rilievi ad hoc, che richiedono azioni di formazione, proprio alla luce della diversità dei luoghi di lavoro presso i quali i nostri lavoratori operano.

«Il nostro impegno – ha dichiarato Pasquale Ranieri, Vicepresidente ASSISTAL, nel corso dell’iniziativa congiunta di ASSISTAL, Federmeccanica e Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil in occasione della Giornata Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro – è un lavoro permanente sia come attività di monitoraggio e di intervento sui processi produttivi, ma anche come un percorso ininterrotto di comunicazione attiva, di informazione e di formazione continua per creare un’autentica cultura della sicurezza. La specificità del nostro settore e la connessa pericolosità delle attività richiede da parte nostra una qualificazione tecnica di alto livello dei nostri lavoratori che è, allo stesso tempo, garanzia di prevenzione degli infortuni e qualità ed eccellenza nelle lavorazioni. Dobbiamo partire dal presupposto che la sicurezza sul lavoro non è un costo, ma un investimento. La cultura della sicurezza è un percorso che contempla la storia, pertanto è necessario promuovere la cultura della prevenzione a partire dalle scuole e dalle università. Associazioni di categoria, sindacati, aziende, lavoratori e committenti devono agire insieme per essere più incisivi e determinati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA