Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Superbonus villette, Governo pensa a proroga

Mercoledì 30 Marzo 2022
Superbonus villette, Governo pensa a proroga
(Teleborsa) - Governo pronto a cedere sul superbonus aprendo alla possibilità di prorogare la scadenza del 30 giugno per le unità unifamiliari. L'esecutivo non esclude affatto l'idea e ne sta valutando la fattibilità, "compatibilmente con le previsioni inserite nel documento di finanza pubblica (DEF) per il 2022". Ad annunciare l' apertura, la prima, alla possibilità di un rinvio è stato il sottosegretario all'Economia Federico Freni.


Del resto, l'esigenza di prorogare, se non addirittura di eliminare, la data di fine giugno è caldeggiata in tutta la maggioranza, con emendamenti in arrivo da Movimento 5 Stelle, Lega, Pd e Forza Italia. Ma anche Coraggio Italia e gruppo Misto, tra cui i Verdi Europei. Tradotto politicamente questo vuol dire che - se come già successo per la riforma del catasto pochi giorni fa si dovesse andare alla conta, per il Governo con grande probabilità arriverebbe lo scivolone, sventato in quell'occasione per un soffio.


Di qui la necessità di mandare segnali di apertura ai partiti della maggioranza, di cui si è fatto portavoce il sottosegretario Freni il quale ha anche sottolineato che "sono in corso presso i competenti uffici dell'Amministrazione finanziaria e degli altri Dicasteri interessati approfondimenti istruttori per valutare una proroga del termine del 30 giugno 2022 per l'espletamento degli interventi sulle unità immobiliari unifamiliari compatibilmente con le previsioni inserite nel documento di finanza pubblica per il 2022 in corso di predisposizione".


Insomma, il pressing del Parlamento, mai del tutto soddisfatto del compromesso trovato in manovra sui tempi concessi per godere dell'agevolazione al 110%, sembrerebbe aver funzionato. Del resto, il tira e molla sulla data di fine giugno non si era effettivamente mai sopito: dopo gli interventi antifrodi sulle cessioni dei crediti - che a inizio anno, secondo gli operatori di settore, hanno temporaneamente bloccato il mercato - è tornato in molti degli emendamenti al decreto Sostegni ter lo spinosissimo tema del rinvio

Le proposte di modifica non hanno avuto successo, ma i partiti non si sono arresi, riproponendo le stesse richieste anche nel cosiddetto decreto Bollette all'esame della Camera. Fino a spuntarla, almeno così sembrerebbe.
© RIPRODUZIONE RISERVATA