Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turismo estate 2022 alla riscoperta del Bel Paese. Unicredit rilancia Made4Italy

Martedì 14 Giugno 2022
Turismo estate 2022 alla riscoperta del Bel Paese. Unicredit rilancia Made4Italy
(Teleborsa) - Gli italiani progettano le loro vacanze e riscoprono il Belpaese nel segno della sostenibilità: l'85% di chi partirà questa estate sceglierà mete nazionali come la Puglia (13%), la Sicilia (10%) e la Toscana (9%) e per 1 viaggiatore su 2 le vacanze saranno all'insegna del contatto con la natura, dell'enogastronomia (39%) e della conoscenza delle tradizioni locali (21%).

Se da un lato oltre un quarto del target di riferimento prevede un aumento delle occasioni di viaggio (29%), un maggior numero di pernottamenti (24%) e un budget più elevato (24%), dall'altro 1 traveller su 6 prevede un ridimensionamento delle vacanze estive 2022, in termini di numero, durata e costo. Situazione economica (49% dei traveller) e intenzioni di risparmio (12%) pesano sulla scelta di non partire, unitamente al timore di possibili contagi (11%).

Lato operatori, il 64% di loro ritiene che l'attuale congiuntura (pandemia, conflitto, generale aumento dei prezzi) renda complicata l'operatività delle strutture ricettive. A pesare sono soprattutto il caro bollette (51%) e l'inflazione (23%). Per gestire le difficoltà si prevede l'installazione di impianti di energia da fonti rinnovabili (32%) e l'implementazione di modelli per l'efficientamento energetico della struttura (28%). Dal punto di vista dell'offerta, considerano invece inevitabile l'aumento dei prezzi delle camere (67%) e di quelli dei servizi offerti (44%), così come una revisione – al ribasso – dei mesi di apertura.

E' quanto emerge dall'Osservatorio Turismo 2022 di Nomisma-UniCredit, reso pubblico in occasione della nuova edizione di "Made4Italy", il programma in piedi dal 2019 che aspira a stimolare un sistema integrato turismo-agricoltura per la crescita e la valorizzazione dei territori italiani, presentato a Milano nel corso del Forum delle Economie #ItalianEXPerience, organizzato da UniCredit in collaborazione con Enit, Lonely Planet e Confcommercio Lombardia. Nel corso della giornata buyers provenienti da Francia, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna e Svezia hanno potuto incontrare circa 40 aziende italiane del comparto turistico nel corso dei circa 70 incontri individuali B2B #ItalianEXPerience

Per questa nuova edizione del progetto Unicredit ha messo a disposizione un plafond di 5 miliardi di euro nel triennio 2022-2024, riservato alle imprese italiane del turismo e dell'agricoltura, con l'obiettivo di valorizzare i territori, le identità regionali, una forma di collaborazione tra aziende ricettive e imprese agroalimentari ed attrarre nel Paese nuovi flussi di turismo internazionale. In linea con gli obiettivi del PNRR, la banca supporterà soprattutto le aziende che puntano sulla sostenibilità, anche attraverso la riqualificazione energetica delle strutture ricettive del Paese, e sulla transizione digitale. Nel dettaglio, il programma "Made4Italy" prevede quattro linee di azione strategiche: nuova finanza, transizione verde e digitale, supporto al PNRR e consulenza dedicata.

E' stato anche rinnovato il protocollo d'intesa tra UniCredit ed Enit, finalizzato a rinforzare la collaborazione per l'individuazione, lo sviluppo e la promozione di progetti di filiera sui territori italiani, a promuovere le eccellenze e le innovazioni del settore e a identificare e valutare i migliori strumenti di supporto finanziario alle imprese del comparto turistico.

"Turismo e agroalimentare possono generare valore economico e nuove opportunità per le destinazioni italiane e per il rafforzamento del brand Italia ", ha spiegato Niccolò Ubertalli, Responsabile di UniCredit Italia. aggiungendo "mettiamo a disposizione un nuovo plafond di 5 miliardi per sostenere le imprese dei due comparti e potenziare l'attrattività dei territori, con focus sul sostegno alla transizione sostenibile e digitale delle PMI e dei progetti di filiera che andremo a selezionare sui territori".

Per Maria Elena Rossi, Direttrice Marketing di Enit, "ridare centralità alla qualità del credito per un'offerta turistica che sia non solo resiliente ma che si spinga in avanti con convinzione e cognizione è una strategia appropriata ai tempi per rimettere in modo sinergie di ampio respiro".


© RIPRODUZIONE RISERVATA