Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Wall Street verso il suo peggior semestre da almeno 50 anni. Apple e Disney crollano

L'ultimo dato del dipartimento al commercio segnala un rallentamento delle spese individuali

Giovedì 30 Giugno 2022
Wall Street si avvia verso il suo peggior semestre da almeno 50 anni

Wall Street conclude il suo peggior semestre da almeno 50 anni, dopo aver chiuso una giornata tutta in rosso. Un'altra brutta notizia per Joe Biden, i cui consensi nei sondaggi sono ai minimi, soprattutto sul fronte economico, tra lo spettro di una recessione, un'inflazione record e crescenti tassi di interesse che erodono i salari, innescano tagli aziendali e minano la fiducia dei consumatori. L'ultimo dato del dipartimento al commercio segnala un rallentamento delle spese individuali, cresciute in maggio solo dello 0,2%, contro una previsione di almeno 0,4%. Ma ora anche la Borsa trema.

Guerra Ucraina diretta, forze russe annunciano il ritiro dall'Isola dei Serpenti. La Cina: «Nato vera minaccia alla pace»

Apple, Disney, JPMorgan Chase crollano

Tutti e tre gli indici hanno finito il mese e il secondo trimestre in territorio negativo. In particolare nei primi sei mesi il Dow Jones ha subito il peggior crollo percentuale dal 1962, mentre l'indice S&P 500, bussola di molti portafogli azionari e di conti pensionistici, nelle ultime settimane è entrato in 'zona orsò bruciando il 21% da gennaio, la peggior perdita semestrale dagli anni '70: un raro e fosco segno di pessimismo. Il sell-off è stato a 360 gradi, con l'energia unico settore a guadagnare: il barile di petrolio a oltre 100 dollari e il gas a prezzi record a causa del conflitto in Ucraina. E società leader come Apple, Disney, JPMorgan Chase e Target sono crollate più della media del mercato azionario.

Fattura elettronica, dal primo luglio è un obbligo: chi la deve emettere e chi no. Multe fino a 2mila euro

Bond sotto del 10%

Non se la passano certo meglio i bond, che sono particolarmente sensibili alle condizioni del mercato, riflettendo i cambiamenti nell'inflazione e nei tassi di interesse più direttamente delle azioni: l'indice che traccia i bond decennali, un parametro chiave per i costi dei prestiti, ha registrato un calo di circa l'11% del prezzo. Analisti della Deutsche Bank sono dovuti risalire alla fine del XVIII secolo per trovare una performance semestrale peggiore di bond equivalenti. E questo è forse un segno ancora più preoccupante sullo stato dell'economia americana.

Bitcoin continuano a perdere terreno

Non si salvano neppure i Bitcoin, che si pensava potessero offrire un rifugio in questa tempesta perfetta: nei primi sei mesi hanno lasciato sul terreno oltre il 50%. A complicare la situazione, erodendo il potere d'acquisto degli americani e i profitti aziendali, c'è anche una inflazione galoppante ai livelli di oltre 40 anni fa, aggravata dal crescente prezzo del cibo e dell'energia a causa della guerra in Ucraina. Con la Fed decisa a combattere a tutti i costi l'inflazione aumentando i tassi di interesse, anche a costo di causare una recessione. Il prossimo banco di prova sul trend dell'economia saranno i dati del secondo trimestre delle aziende, che saranno attentamente scrutinati per capire se si naviga verso il peggio.

Ultimo aggiornamento: 23:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA