Pirelli, rinnovato il patto: Tronchetti Provera alla guida fino al 2023

Tronchetti Provera
Rinnovato il patto di sindacato di Pirelli fra i cinesi di  China National Chemical Corporation, China National Tire & Rubber Corporation, Ltd., Silk Road Fund Co., Ltd., Camfin S.p.A., Long-Term Investments Luxembourg S.A. e Marco Tronchetti Provera & C. S.p.A. L'accordo parasociale in scadenza con l'approvazione del bilancio 2019, nelle ultime  ore, è stato raggiunto l'accordo per prorogarlo di altri tre anni, quindi a fine 2022. Ma soprattutto viene ribadita la leadership gestionale di Tronchetti Provera, artefice del brillante andamento del gruppo con tutte le garanzie in termini di italianità, mantenimento della sede e tutele sulla ricerca: resta il quorum del 90% per modificare questi punti salienti.

Tronchetti è appena rientrato da Pechino dove ha partecipato alla conventions di ChemChina e lì ha avuto modo di perfezionare l'accordo con il presidente del gruppo cinese Ning Gaoning, detto Frank che, nonostante iniziali velleità di voler rivedere nella sostanza l'accordo, alla fine ha dovuto convenire che l'attuale assetto è vincente e pertanto non può essere cambiato. Nel nuovo patto resta la prerogativa che sarà Tronchetti a scegliere il suo successore fra tre anni secondo l'attuale meccanismo di ricerca di oggi.
L'1 agosto verrà resa nota la semestrale di Pirelli e la data della presentazione del nuovo piano industriale che coinciderà con il nuovo mandato del numero uno del gruppo.
Le parti - spiega una nota - hanno valutato l'opportunità di rinnovare il patto parasociale - con effetto a partire dalla data di convocazione dell'assemblea di Pirelli per l'approvazione del bilancio al 31 dicembre 2019 e per un ulteriore periodo di tre anni da tale data (e dunque fino alla primavera del 2023) - al fine di: ribadire la stabilità della partnership tra ChemChina/Cnrc, Silk Road Fund e Camfin/Mtp, in continuità e coerenza con i principi di governance già stabiliti dal vigente patto parasociale e in ogni caso con lo scopo di creazione di valore per Pirelli e tutti i suoi azionisti; confermare il ruolo come azionisti stabili di Pirelli di ChemChina e Camfin/Mtp con il mantenimento in capo a quest'ultima per tutta la durata del rinnovo, della partecipazione attualmente detenuta nella società superiore al 10% di Pirelli; confermare il ruolo centrale di Marco Tronchetti Provera, in qualità di Vice Presidente esecutivo e a.d., nella guida del top management di Pirelli assicurando la continuità della cultura manageriale di Pirelli e nella designazione del suo successore, con l'attuazione della procedura di successione che dovrà essere completata entro ottobre 2022, sei mesi prima del rinnovo del cda di Pirelli previsto nella primavera del 2023.
    Per il rinnovo del Consiglio che sarà composto da 15 membri e che manterrà una maggioranza di Consiglieri indipendenti, gli azionisti Cnrc e Mtp hanno concordato di indicare un numero di componenti in proporzione alle azioni possedute e quindi 9 consiglieri (di cui 4 indipendenti) saranno designati da Cnrc, 3 consiglieri (di cui 1 indipendente) saranno designati da Mtp, 3 consiglieri indipendenti saranno destinati alle minoranze.
    L'accordo relativo al rinnovo del patto parasociale stipulato in data 27 luglio 2017 sarà pubblicato nei termini e ai sensi dell'articolo 122 del Decreto Legislativo n. 58/1998.
Martedì 30 Luglio 2019, 09:35 - Ultimo aggiornamento: 30-07-2019 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP