Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rc auto, spunta l'ipotesi tariffa unica: più tasse per banche e assicurazioni

Martedì 16 Ottobre 2018 di Roberta Amoruso
Rc auto, spunta l'ipotesi tariffa unica: più tasse per banche e assicurazioni
C'è voluto un secondo decreto legge, un provvedimento «di semplificazione» e «salva-scartoffie» per chiudere il cerchio degli «impegni presi» che il governo intendeva a rispettare a tutti i costi. E dunque in quel provvedimento che « taglierà la burocrazia e tutelerà l'occupazione», nella promessa del premier, Giuseppe Conte c'è anche la stangata su banche assicurazioni. Proprio così. Saranno i testi a raccontare già da oggi tutti i dettagli e il peso di questa stangata. Ma per il momento sono le indiscrezioni che fanno trapelare fonti della Lega a parlare di «misure in cui non c'è alcun aumento di tasse tranne che su banche e assicurazioni».
 
E dunque «le assicurazioni Rc auto saranno finalmente eque», ha annunciato il vicepremier Luigi Di Maio. Perché «in alcuni posti si pagava davvero troppo». Di questo saranno di certo contenti gli automobilisti che guidano in zone considerate più rischiose, e dunque non a caso più care. Ma la novità ha colto davvero di sorpresa il mondo delle polizze che comunque negli ultimi cinque anni ha visto scendere i prezzi del 27%, Senza contare che l'introduzione scattato già a luglio di uno sconto obbligatorio per chi installa la scatola nera è destinato a ridimensionare ulteriormente le tariffe. Ma non basta, evidentemente. Ci vuole un taglia-tariffe per decreto.

Del resto, soltanto venerdì scorso lo stesso Di Maio prometteva genericamente di voler «abbassare le tariffe indecenti presenti in alcune zone d'Italia». Nello stesso tempo puntava anche il dito contro l'abuso di targhe straniere ad uso sospetto. «Presenteremo una norma per alcune aree di Italia e che cerca di rispondere ad un evidente abuso di targhe straniere», spiegava il vicepremier. Si tratta di un fenomeno che si sviluppa «sopratutto nelle zone dove ci sono costi per polizze assicurative particolarmente alti». È qui che anche italiani «usano le targhe romene e bulgare, con polizze che a fronte di tariffe molto basse hanno una copertura altrettanto bassa», non allineata ai parametri italiani.

Non è una novità invece l'intenzione del governo di tassare le banche. E c'è chi come Credit Suisse ha già calcolato un impatto negativo del 3,9% sugli utili delle banche dalla riduzione della deducibilità degli interessi passivi dal 100 all'86%.

Ma ci sono altre novità nel decreto omnibus che scorpora dal dl fiscale norme altrimenti non omogenee. Il dl rinominato «taglia scartoffie e leggi inutili» cancella oltre 100 adempimenti per le imprese».Ma serve anche per sancire di nuovo l'incompatibilità tra ruolo di governatore regionale e commissario alla sanità, per «non avere più casi De Luca», nelle parole di Di Maio. Poi c'è anche la norma per bloccare i pignoramenti della casa per chi ha crediti verso la P.a. (norma Bramini), ma anche per bloccare «i medici furbetti che aumentano la lista di attesa per l'intramoenia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA