La fatica di Sisifo dei navigator: trovare lavoro a mille disoccupati

di Francesco Lo Dico

2
  • 9
Paese di santi, eroi e navigator. È proprio alla figura dei tutor che il vicepremier Luigi Di Maio ha affidato le chiavi del reddito di cittadinanza. Ma al di là della suggestiva metafora marinaresca prescelta dal Mise, i 4mila navigator che dovranno traghettare i 5 milioni di disoccupati percettori del sussidio nel mondo del lavoro, viaggiano ancora a vista in una nebbia molto fitta. Partiamo dai tempi. I navigator saranno davvero abili e arruolati entro aprile, quando sarà pagata la prima tranche del reddito? Per aggirare il blocco del turnover deciso in manovra fino a novembre ed evitare le lungaggini di un concorso pubblico, il governo ha deciso di assumere i 4mila tutor in Anpal Servizi spa, controllata dell'omonima Agenzia per le politiche attive estranea ai paletti di bilancio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 20 Gennaio 2019, 08:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-20 12:24:13
Una cosa è dire, altra è fare. Ma nella loro saccenza e presunzione i Cinquestelle , velleitari quanto mai, credono che basti schioccare le dita. Sono stata troppo ottimistica nel ritenere che a regime si andrà tra un anno. Ma tanto, cosa importa al lavoratore al nero? Si aggiusterà lo stipendio? Cosa importa a chi se ne sta tutto il tempo alla tastiera? Soldi piovuti dal cielo, alla faccia! Col vantaggio di non doversi allontanare troppo dal paesello. Per molti se non funzioneranno i navigatores , i centri per l'impiego, la ricerca del lavoro, andrà più che bene. Tanto, prendi questo, dopo non sai cosa accadrà. Scansando la pace dei pochi dignitosi rimasti.
2019-01-20 09:56:10
Macché! Per questa pazziella ci vorrà almeno un anno. Bisogna intanto individuarli, attraverso una selezione, poi formarli, riorganizzare i centri dell'impiego , che fanno acqua, assegnarli platea per platea, figurati! Il reddito è assistenzialismo ed è marchetta in puro stile pre elettorale. Caricata tutta sulle spalle dei contribuenti e dei pensionati. E non parliamo dei regali agli abusivi. Ma oggi il vento soffia in questa direzione. Con una nuova temuta manovra chi dovrà pagare ancora? Ripasseranno a fare colletta dagli stessi? Perché dell'abbassamento dei loro stipendi si è rifatto silenzio.

QUICKMAP