CORONAVIRUS

Rolls-Royce in crisi per la produzione di turbine: 9 mila esuberi per il calo della domanda

Mercoledì 20 Maggio 2020
Il produttore di turbine Rolls Royce ha annunciato 9.000 esuberi, pari al 17,3% dei suoi 52 mila dipendenti, nell'ambito di un piano di riorganizzazione dettato dalla necessità di fare i conti con il calo della domanda nel settore aereo scatenata dal coronavirus.

Leggi anche > Dl Rilancio, Gualtieri: «In 2-3 giorni bonus a 4 milioni di lavoratori autonomi»

"L'impatto del Covid-19 su Rolls -Royce e l'intera industria dell'aviazione è senza precedenti. Abbiamo già preso azioni per rafforzare la resistenza finanziaria del nostro business e ridurre gli investimenti nel 2020. E' però sempre più chiaro che l'attività commerciale nel mercato aerospaziale avrà bisogno di anni per tornare ai livelli visti solo qualche mese fa", afferma Rolls-Royce. La riorganizzazione, che punta a tagliare anche le spese degli impianti, delle proprietà e di altre aree di costo, dovrebbe assicurare risparmi annui superiori a 1,3 miliardi di sterline, a fronte di costi una tantum di circa 800 milioni da spesare tra il 2020 e il 2022

"Sentirsi dire che non c'è più un lavoro per te è una terribile prospettiva" ha commentato il ceo di Rolls-Royce, Warren East. "Ma dobbiamo prendere decisioni difficili per permettere al nostro business di superare questi tempi senza precedenti". Ultimo aggiornamento: 14:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA