Spread in calo, Borsa in rialzo

Piazza Affari positiva e spread in calo dopo l'intesa M5S-Lega che ha portato alla nascita del governo guidato da Giuseppe Conte. 

Il differenziale fra Btp decennali e Bund tedeschi termina in netto arretramento, ma sui masimi di giornata ne giorno del giuramento del governo Lega-M5s. Lo spread, dopo aver aperto la seduta a 235 punti base, ha chiuso la seduta a 239 punti base, in calo di 15 punti base rispetto alla chiusura di ieri (254 punti base) dopo aver toccato un minimo a 212 punti a fine mattinata (a fronte degli oltre 300 toccati martedì scorso in pieno stallo politico). In calo anche il rendimento del BTp benchmark decennale che, in chiusura, è indicato al 2,77%, dopo un'apertura al 2,78%, dal 2,88% della vigilia. Sulle scadenze brevi il rendimento a 2 anni torna ad avvicinarsi alla soglia dell'1% e si attesta all'1,03%, in forte calo rispetto all'1,36% di ieri. 

Chiusura in rialzo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib, dopo essere arrivato a guadagnare quasi il 3% in mattinata, sale dell'1,49% a 22.109 punti, riportandosi sopra i livelli di inizio anno.

Sul listino milanese quasi tutti positivi i titoli. Poche le eccezioni, tra cui Fca (-4,53%), protagonista di una improvvisa inversione di rotta dopo un avvio scoppiettante, nel giorno in cui l'ad Sergio Marchionne ha presentato il piano industriale al 2022. Sugli scudi Banco-Bpm (+8,45%), favorita anche dalla cessione di Npl per 5,1 miliardi, seguita da Bper (+7,87%), Ubi Banca (+5,7%), Unicredit (+3,93%) e Intesa (+3,3%). In controtendenza Mps (-0,37%), mentre Banca Ifis, attiva nella gestione di Npl, ha guadagnato l'8,42%. Rally di Grifal (+15,39%), nel giorno del debutto su Aim, il mercato alternativo dei capitali di Piazza Affari. 


 
Venerdì 1 Giugno 2018, 09:25 - Ultimo aggiornamento: 01-06-2018 18:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP