Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La politica del rinvio/ L’illusione delle opere approvate salvo intese

Mercoledì 8 Luglio 2020 di Paolo Balduzzi

L’economia è la “scienza triste”, si sa. E in Italia sembra esserlo ancora di più. Le buone notizie già scarseggiano quando le condizioni economiche sono generalmente positive; e in un contesto di pandemia e recessione mondiale è inutile attendersi qualcosa di meglio. Lo certificano i numeri diffusi ieri, con sadica coincidenza, da Ocse, Istat, Banca d’Italia e Commissione europea. 

Cominciamo con l’istituto di statistica che, dopo aver rilevato una ripresa della fiducia nell’ultimo bimestre, sottolinea tuttavia come la situazione delle imprese, soprattutto quelle più piccole, sia drammatica: sono ancora a rischio chiusura il 40% delle micro, oltre il 30% delle medie e una su cinque tra quelle più grandi. Non a caso, proprio l’Ocse stima che, anche dopo la ripresa del 2021, i posti di lavoro cancellati saranno oltre 500 mila, 700 mila se la pandemia riprenderà la sua forza in autunno. 

Per quanto riguarda le famiglie, è Banca d’Italia a quantificarne le difficoltà: il reddito disponibile è calato nell’80% dei casi, addirittura oltre la metà per il 36% del campione. Preoccupanti anche le prospettive: l’entità dei risparmi, cioè le disponibilità liquide accumulate, in molti casi non sarà sufficiente per onorare i mutui o il credito al consumo, con conseguenze facilmente intuibili a cascata sul sistema economico. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche