Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mosca accusa Kiev: attacco ucraino a depositi di petrolio in territorio russo. Otto serbatoi in fiamme a Belgorod

Venerdì 1 Aprile 2022
Mosca: attacco ucraino a depositi di petrolio in territorio russo. Otto serbatoi in fiamme nella regione di Belgorod

Sono almeno otto i serbatori di petrolio incendiati in un presunto attacco di elicotteri ucraini a un deposito di carburante nella regione russa di Belgorod, secondo quanto scrive la Tass che cita fonti locali. Intanto il ministero russo per le emergenze - fa sapere sempre la Tass - ha inviato sul posto almeno 170 vigili del fuoco coadiuvati da 50 mezzi per spegnere il rogo, che viene descritto di notevoli dimensioni. Gli abitanti delle case vicine al deposito in fiamme sono stati sgomberati dalle loro abitazioni. C'è il rischio che l'incendio al deposito di petrolio di Belgorod si diffonda a tutti i serbatoi. Lo scrive la Tass, citando una fonte.

Ucraina, dall'inizio della guerra sono stati uccisi 153 bambini: la maggior parte dei morti a Mariupol

Otto serbatoi in fiamme

Al momento sono 8 i serbatoi in fiamme. Non ci sono invece feriti, come sembrato in un primo tempo. Il sindaco della città Anton Ivanov, secondo quanto riporta la Tass, spiega che «secondo un'informazione aggiornata, i due dipendenti che erano sul posto nel momento dell'esplosione non sono feriti», ha scritto.

Dall'Ucraina: attacco sotto falsa bandiera

«Il Cremlino accusa gli elicotteri ucraini di aver attaccato una struttura petrolifera a Belgorod, a 40 km dal confine con l'Ucraina. Questo è un attacco sotto falsa bandiera russa alle proprie città per giustificare l'escalation della guerra, per intimidire i cittadini e organizzare la mobilitazione in Russia». Lo sostiene Maria Avdeeva, direttrice dell'European Expert Association.

Ritiro parziale truppe russe da Kiev

Nel frattempo, lo stato maggiore dell'esercito ucraino ha affermato oggi che è proseguito il ritiro parziale delle unità delle forze di occupazione russe dal nord della regione di Kiev verso il confine di stato con la Repubblica di Bielorussia. Lo riporta l'agenzia ucraina Unian. Sono registrate colonne che comprendono anche veicoli civili (camion, autobus, minibus, automobili) che sono stati rubati dai russi, sostiene Kiev, durante l'occupazione temporanea dei territori. «Inoltre, il nemico effettua la rimozione delle proprietà saccheggiate», sostiene lo Stato maggiore. Nel frattempo l'esercito ucraino ha respinto 7 attacchi nelle direzioni di Donetsk e Lugansk. «Le forze alleate hanno respinto 7 attacchi nemici nelle direzioni di Donetsk e Lugansk durante il giorno. I nostri soldati hanno distrutto 3 carri armati, 2 veicoli corazzati, 2 veicoli e 2 sistemi di artiglieria. Anche un missile Orlan-10 è stato abbattuto», si legge.

Ultimo aggiornamento: 10:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA