Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorelle trovate morte in un appartamento: i corpi erano in decomposizione

Asra Abdullah Alsehli, 24 anni, e Amaal Abdullah Alsehli, 23 anni erano fuggite dall'Arabia Saudita dopo aver subito violenze domestiche.

Venerdì 29 Luglio 2022 di Alessia Strinati
Sorelle trovate morte in un appartamento: i corpi erano in decomposizione

Due sorelle sono state trovate morte in una casa in avanzato stato di decomposizione. Asra Abdullah Alsehli, 24 anni, e Amaal Abdullah Alsehli, 23 anni, sono state trovate prive di vita in un appartamento di Sydney su due letti separati e secondo i primi rilievi sembrerebbero essere decedute già da un mese.

Leggi anche > Bimbo di 7 anni travolto e ucciso da un taxi: era solo in casa. La mamma era andata dall'amante

Leggi anche > Valentina uccisa dal figlio, la cugina: «La sua morte era annunciata, volevamo si trasferisse in Germania»

Entrambe si erano trasferire in Australia dall'Arabia Saudita nel 2017, non si conosce ancora molto della loro storia ma sembra abbiano chiesto asilo politico: secondo l'organizzazione saudita per i diritti umani ALQST le due sorelle sarebbero fuggite dal loro Paese d'origine dopo aver subito violenze domestiche e a causa delle dure leggi che regolano la vita di tutte le donne.

Non si hanno molte notizie su quanto sia accaduto e la polizia sembra ancora brancolare nel buio ma pare che avessero confessato al proprietario della casa in cui vivevano che sospettavano che qualcuno manipolasse il loro cibo, stessa confidenza confermata dall'idraulico che era stato a casa loro poco prima della morte. Si ipotizza possano essere state avvelenate ma le motivazioni e le modalità restano ancora un mistero.

 

Le due ragazze, secondo le poche testimonianze raccolte, pare fossero molto spaventate al punto da evitare anche di aprire la porta di casa, forse temevano che le persone da cui erano scappate potessero raggungerle. Sembra inoltre che avessero chiesto aiuto alla polizia ma che questo fosse stato negato.

Ultimo aggiornamento: 21:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA