Napoli, multiculturalità e inclusione nel segno di Basquiat