Pozzuoli, villa romana diventa una giungla

 È scomparsa, sotto una fitta coltre di cespugli, rovi e arbusti. Stimano parlando dei preziosi resti di una villa d'epoca  romana, ubicata nei pressi della sede INPS a Pozzuoli. Le condizioni di forte abbandono sono sotto gli occhi di tutti; una sorta di copertura in lamiere arrugginite poste a protezione delle antiche vestigia, rifiuti urbani tra le erbacce. L'area archeologica puteolana, insomma, attende da tempo un intervento di pulizia e manutenzione che stenta ad arrivare.  La villa rustica d'epoca romana nei pressi dell'INPS, fu rinvenuta negli anni '90 è databile al I II sec. d.C. e conserva i resti ancora visibili, della parte padronale. Assieme ad altre testimonianze archeologiche, venute alla luce lungo la via Campana, avrebbero dovuto far parte di un più ampio progetto  di tutela e fruizione , il Parco delle necropoli con tanto di percorsi di visita, rimasto soltanto sulla carta.