«Questo non è il mio Napoli»: la crisi non risparmia nessuno