Ponticelli ritrova il suo campione del mondo, Alessandro Velotto accolto come un re