Vino, piume e balli: Di Meo a Belgrado