Stella, morta a 18 anni in uno schianto
i compagni sostengono la maturità al suo posto

Lunedì 22 Giugno 2020
foto

Un diploma alla memoria di Stella. Vicini con il cuore nel giorno della maturità. La V A del Liceo Classico Vincenzo Simoncelli di Sora non poteva terminare il percorso di studi senza la loro compagna di classe Stella Tatangelo deceduta nell’agosto dello scorso anno a seguito di un terribile incidente stradale. Ed è per questo che stamattina, per iniziativa di uno dei compagni, Adriano Belfiore, la sua classe ha sostenuto per lei l’esame di maturità. Davanti alla commissione gli amici più cari e i genitori. In questo modo Stella ha avuto un diploma in memoria. Un gesto simbolico molto importante per i ragazzi che hanno discusso un elaborato pluridisciplinare sull’amicizia. Da settembre, Adriano, ha portato avanti tutta la pratica scrivendo al MIUR e ottenendo questa possibilità, per quanto simbolica, di grande valore e significato per tutti coloro che amavano Stella. Alla presenza dei genitori, sette compagni di classe hanno discusso un percorso pluridisciplinare che ha evidenziato tutte le qualità di Stella: gioia, empatia, eccentricità, passione per la danza, bellezza. La commissione, presieduta dalla dottoressa Erminia Gnagni e composta dai docenti di classe, ha permesso ai ragazzi di vivere questo momento molto intenso ed importante per tutti loro. Era la vigilia di ferragosto quando una Golf con cinque ragazzi a bordo, tutti poco più che maggiorenni e di ritorno da una festa in zona, prese in pieno un muretto in località Vuotti (in comune di Arpino) su via Pietro Nenni verso le 2 di notte, ribaltandosi diverse volte su se stessa. Nel terribile impatto la 18enne Stella Tatangelo un giovane di Sora, che amava la danza e la pallavolo, mori sul colpo, mentre gli altri ragazzi rimasero simasti feriti.
Roberta Pugliesi

© RIPRODUZIONE RISERVATA