Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Diabolik, nel regno della banda della Marranella spunta il graffito non autorizzato

Lunedì 18 Novembre 2019
foto

Un graffito, in pieno stile Gomorra, raffigurante Fabrizio Diabolik Piscitelli, capo ultrà della Lazio ucciso a 54 anni al Parco degli Acquedotti il 7 agosto scorso, è apparso giovedì su un palazzo in via Pietro Rovetti, case popolari di Torpignattara. Il Diablo, occhiali da sole, sorridente, con la sciarpa degli Irriducibili, è stato disegnato nottetempo con bombolette spray da un non meglio identificato amico di famiglia. E, soprattutto, senza alcuna autorizzazione del Comune.

L'omaggio-sfida al capo dei tifosi, indagato in passato per narcotraffico, è apparso nel cuore di quello che era (ed è) territorio della cosiddetta banda della Marranella, un mix di ex rapinatori e narcotrafficanti, in affari nel giro delle estorsioni e delle slot: Salvatore Sibio, 76 anni, detto Er Tartaruga, uno dei principali esponenti della banda durante gli anni più violenti del sodalizio, è stato arrestato lo scorso anno sul litorale, perché accusato di avere rimesso in piedi il business di droga ed estorsioni tra Ostia e Acilia.

Proprio il suo nome compare in più intercettazioni accanto a quello del Diablo. Entrambi, secondo gli inquirenti, sarebbero stati contigui a Michele Senese, detto O pazz, ora in carcere, con legami anche sul litorale. Elementi che possono tornare utili per capire come si stanno riposizionando i clan della mala nella Capitale.

Ultimo aggiornamento: 20:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA