Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Autovelox, la multa senza foto non è valida: annullato verbale di 700 euro a una società di Frosinone

Mercoledì 5 Gennaio 2022
Autovelox, la multa senza foto non è valida: annullato verbale di 700 euro a una società di Frosinone

Le multe con l'autovelox senza foto sono nulle. Questa la motivazione con cui il giudice di pace di Cassino ha accolto il ricorso presentato da una società di Frosinone (assistita dall'avvocato Roberto Iacovacci) multata per 700 euro per eccesso di velocità, oltre alla decurtazione di tre punti dalla patente al conducente. La decsione è stata ripressa da All-In Giuridica, un periodico specializzato, che così commenta:   «L’ente accertatore non può limitarsi a produrre in giudizio il verbale con cui è stata contestata l’infrazione all’automobilista ma è tenuto a fornire al giudice elementi idonei a dimostrare la fondatezza della propria pretesa».

In Italia la giungla delle multe stradali, valgono 3 miliardi. Vanta primato europeo del numero di autovelox installati

Rc auto, per 9 italiani su 10 giusto usare autovelox, ztl, telepass e tutor contro i "furbetti" che circolano senza assicurazione

Nel caso in particolare, il ricorso era stato proposto contro una sanzione per eccesso di velocità elevata registrata in un paese in provincia di  Frosinone con un’apparecchiatura automatizzata. Il verbale era stato redatto in un secondo tempo, da un agente accertatore che aveva esaminato la documentazione fotografica. Le immagini di prova, però, non sono state prodotte in giudizio e questo ha portato il Giudice a decidere per l’annullamento della contestazione. Questo pronunciamento, si inserisce nel solco dell’indirizzo già espresso in passato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza 2.734 del 2002, aveva chiarito come le circostanze di fatto che il pubblico ufficiale ha appreso a seguito di ispezione di documenti non attribuiscono al verbale alcun valore probatorio precostituito. 

l

Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA