CORONAVIRUS

Covid Frosinone, eseguiti tremila tamponi sui vacanzieri di ritorno: altri 15 casi positivi

Giovedì 27 Agosto 2020 di Vincenzo Caramadre
La postazione drive-in di Frosinone

Contagi post vacanze: altri 15 casi. Tutti asintomatici e posti in isolamento domiciliare. Una scia inarrestabile quelle che, da almeno cinque giorni, si registra anche in provincia di Frosinone. Sono stati eseguiti, quasi 3mila tamponi naso-faringei, a seguito dei quali i positivi hanno sfiorato quasi le 100 unità. Numeri che si sono registri nel mese di aprile, quando il bollettino quotidiano era rovente. Ben 400 sono le persone in isolamento fiduciario. Quindici, come accennato, i casi di ieri dopo i 20 di sabato, i 16 di martedì e i 16 di mercoledì.

Otto casi sono da rientro con link territoriale tra Sardegna (2) e Puglia (6). I territori interessati all’ondata di positivi comunicata ieri sono, tra gli altri, Sora dov’è risultata positiva una 23enne, Ceprano con due casi un bambino di 7 anni e una studentessa di 20, ad Amaseno si registrano tre casi, a Guarcino con un caso. 
Accorato l’appello dei primi cittadini dei centri interessati. «Non scherziamo, perché siamo ancora in piena pandemia!» ha scritto il sindaco di Ceprano Marco Galli su Facebook. «Un appello particolare - ha aggiunto - lo rivolgo a chi è preposto ai controlli, affinché siano severamente represse le condotte non conformi a quanto stabilito dalle ordinanze governative e sindacali, diversamente, oltre assumersi pesanti responsabilità, le eventuali omissioni rischiano di vanificare tutti gli sforzi compiuti per combattere l’epidemia».

Sulla stella linea d'onda anche il primo cittadino di Sora, Roberto De Donatis: «Rispettiamo le disposizioni, indossiamo i dispositivi di protezione, manteniamo la distanza sociale e laviamo frequente le mani».

I 15 positivi comunicati ieri si riferiscono ai tamponi delle ore precedenti eseguiti a Frosinone e Cassino. Oggi arriveranno gli esiti di altri due test. 

Con il fine settimana si concluderà anche il periodo feriale per molti ciociari che, al rientro, dovranno sottoporsi al tampone. L’Asl in queste ore è tornata a ribadire la necessità di eseguire l'esame in caso di rientro dalla Croazia, Malta, Spagna, Grecia e dalla Sardegna, Puglia ed Emilia Romagna. 

Lo schema delle postazioni drive-in rimane invariato: nel capoluogo è attiva una nuova postazione in Via Michelangelo (vicino il Conservatorio), aperto dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 (nella foto). 
A Sora presso l’ospedale Santissima Trinità è attiva nei giorni pari (martedì, giovedì e sabato) dalle 9 alle 13. 

A Cassino il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13. L’Asl ha anche attivato un numero verde: 800716963 per tutte le informazioni.

Nel Lazio, ieri si sono registrati 152 positivi e un decesso, con prevalenza di casi di rientro ed in particolar modo con link dalla Sardegna (46 percento). «Il grande lavoro di tracciamento che si sta facendo è fondamentale per una ripresa in sicurezza. Molto oteva essere evitato attraverso comportamenti responsabili e controlli più accurati», ha detto l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato. 

Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA