Un anno senza Willy, oggi a Paliano messa di ricordo. Il parroco: «Tanta violenza gratuita»

Lunedì 6 Settembre 2021 di Annalisa Maggi
Un anno senza Willy, oggi a Paliano messa di ricordo. Il parroco: «Tanta violenza gratuita»

Un anno dopo Paliano ricorda Willy Monteiro Duarte. Oggi pomeriggio, alle 18, nel parco dedicato al 21enne ucciso a Colleferro, alle 18, verrà celebrata una Santa Messa che sarà presieduta dal vescovo della diocesi di Tivoli e Palestrina, Mauro Parmeggiani.

La storia tragica del giovane di origini capoverdiane, ha scosso le coscienze di un'intera comunità. A tracciare un bilancio è il del parroco di Sant'Andrea, don Paolo Baldo: «Forse si fatica a maturare una responsabilità educativa vera verso i giovani di oggi, perché tutta questa violenza gratuita ha bisogno di una risposta che non può essere solo quella penale, c'è bisogno di un grande investimento educativo. Inoltre, nessuno oggi può illudersi che l'esplosione di questa brutalità sia un fenomeno legato alle periferie urbane perché, come stiamo vedendo, avviene anche in comunità piccole; segno che siamo di fronte non a un problema sociologico ma a un profondo disagio umano».

Il dolore di mamma Lucia: «Mio figlio è qui con noi e ci dà forza. Cosa mi manca di lui? Tutto»

Le prime notizie sul pestaggio cominciarono a circolare di prima mattina. Il nome di Willy Monteiro Duarte balzò alla cronaca di lì a poco gettando nello sconforto familiari, parenti e amici del giovane che si era fermato in un locale di Colleferro dopo una serata di lavoro in un albergo ristorante di Artena, proprio il paese della banda dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi attualmente sotto processo con l'accusa di omicidio volontario.

All'uscita dal locale Willy si stava dirigendo verso l'auto per tornare a casa ma la furia cieca del branco lo ha travolto mentre si avvicinava a un suo ex compagno di scuola che aveva riconosciuto da lontano. Willy era in compagnia di tre coetanei di Paliano che hanno assistito al pestaggio, hanno sentito il loro amico urlare basta, basta, basta ai picchiatori, lo hanno visto soccombere sotto i colpi sferrati con una violenza inaudita.

Giovedì riprende il processo

Quella scena si è fissata nella mente e la stanno raccontando nell'aula del Tribunale di Frosinone dove si tornerà giovedì prossimo per un'altra udienza del processo che vede imputati Marco e Gabriele Bianchi, 26 e 24 anni, di Artena; Mario Pincarelli di 22 anni residente a Palestrina e Francesco Belleggia di 23 anni, residente a Colleferro.

Willy Monteiro, il testimone: «Tutto è iniziato per un bacio». Il medico legale: «Ucciso da due colpi: uno al cuore, l'altro al petto»

Ma in questi dodici mesi non è prevalso l'odio. Sull'esempio del dolore indicibilmente acuto ma composto e dignitoso della mamma di Willy, Lucia Monteiro Duarte, della sorella Milena e del papà Armando, si è generata un'onda di solidarietà e di positività che ha preso varie forme in tutta Italia: il sorriso di Willy è stato immortalato in diversi murales il primo a Paliano realizzato dall'artista Ozmo ha ispirato concorsi, borse di studio, canzoni, un cartone animato, la realizzazione di un presepe e persino del Gonfalone del Palio dell'Assunta di Paliano 2021. Willy è stato insignito da Sergio Mattarella della Medaglia al valore civile, il suo nome è stato scritto nel laboratorio di un istituto alberghiero.
 

Ultimo aggiornamento: 15:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento