Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giorgia Soleri, l'infanzia difficile, la malattia misteriosa e il tentativo di suicidio

La modella-poetessa, fidanzata con il frontman dei Maneskin, si racconta senza filtri al Corriere

Domenica 24 Luglio 2022 di Paolo Travisi
Giorgia Soleri, l'infanzia difficile, la malattia misteriosa ed il tentativo di suicidio. L'intervista a cuore aperto della fidanzata di Damiano

Giorgia Soleri, 650 mila followers su Instagram, un libro di poesie, modella, una personalità che sa far parlare di sé, e non solo perché Giorgia è la 26 enne fidanzata di Damiano David, il cantante dei Maneskin, la band rock più famosa al mondo.

In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, Giorgia Soleri, si racconta liberamente, e torna a parlare anche della sua patologia, la vulvodinia, che affligge chi ne è vittima con un dolore cronico.

. «Ho avuto un’infanzia difficile, i miei si sono separati quando avevo 4 anni. Ho rivisto mio padre qualche settimana fa...»  racconta con sincerità nell'intervista, ritornando ai suoi inizi, quando a 15 anni intraprese la strada della modella ed oggi scrittrice di poesie nel libro "La signorina Nessuno".

Insegue un ladro per aiutare una ragazza derubata, ferroviere si accascia e muore d'infarto

 

 

Un passato difficile

«Ripenso a quel periodo con un brivido. Vivevo male il mio corpo, lo sentivo come qualcosa che dovevo “vendere” per lavorare. Poi è arrivato il dolore. Lancinante, terribile, che parte dalla vulva e si irradia alla vescica, notti senza sonno e nessuno che ti prende sul serio. Quando è arrivata la diagnosi sono uscita dallo studio del medico e ho cominciato a piangere», racconta ancora la Soleri nell'intervista al Corriere, sottolineando ancora la sua battaglia contro il dolore, spesso insopportabile.

«Sono scivolata e Johnny Depp è corso ad aiutarmi». Kate Moss torna a difendere il suo ex-compagno

«Mi sono operata nell’estate del 2021 per l’endometriosi e per un po’ sono stata bene. Poi qualche tempo fa, il dolore è tornato. Feroce. Sono rimasta a letto per settimane, le amiche facevano i turni per sollevarmi a braccia per farmi andare in bagno o per farmi mangiare. E allora ecco i farmaci. Oppioidi, fortissimi. Avevo le allucinazioni. Ora va meglio, ma so già che dovrò fare i conti con questo per sempre». 

 

Gli anni bui

Nel suo ripercorrere il passato la modella-poetessa non nasconde l'infanzia difficile trascorsa a Milano, quando i suoi genitori si sono separati che lei aveva appena 4 anni. «Mio padre aveva dei problemi (che poi ha risolto), mia madre ha chiesto l’affido esclusivo. Io nel mezzo. Cresciuta senza vedere mio padre per anni, mi ero quasi rassegnata quando, qualche settimana fa, lui si è presentato a sorpresa alla presentazione del mio libro».

Durante l'adolescenza la psicoterapia, l'aborto a 21 anni e poi l'anno più buio, il 2017. «Ho tentato il suicidio. Ero depressa ma non lo sapevo, come capita a tante persone. Anche la depressione ha i suoi segnali ma possono essere diversi da persona a persona. Io stavo sempre a letto, quello che mi avrebbe potuto stimolare non lo faceva più. Poi ho provato a togliermi la vita. Ero arrivata al punto zero, potevo solo risalire o soccombere. Mi ha salvata mia madre: l’hanno avvisata, è venuta a prendermi, mi ha portato a casa sua e sono rimasta lì due mesi».

 

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche