«Stava progettando un attentato lanciando un'auto sulla folla», terrorista africano arrestato a Napoli

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

16
  • 2081
Un migrante del Gambia è stato arrestato a Napoli nel corso di un'operazione congiunta di Digos e Ros per il reato di terrorismo internazionale di matrice islamica. 

L'uomo si chiama Alagie Touray, 21 anni, ed era sbarcato a Messina il 22 marzo 2017 con altri 638 migranti, 209 dei quali venivano dal Gambia ed erano partiti dalla Libia con altre centinaia di migranti. Da un anno risiedeva in un centro per l'accoglienza dei migranti a Licola, sul litorale flegreo. Era titolare di un foglio di soggiorno provvisorio, in attesa che venisse esaminata la sua richiesta di asilo politico.

Un’auto contro la folla, un attentato terroristico secondo un copione già sperimentato in altre città europee. È quanto emerge dal provvedimento cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Napoli che ha tratto in arresto il cittadino gambiano. Una circostanza smentita dal presunto terrorista in sede di interrogatorio. L’uomo ha infatti sostenuto di aver respinto il progetto di usare un’auto contro la folla.
 

A suo carico c'è un video in cui il giovane giura fedeltà al califfo Al Baghdadi: «Giuro di prestare fedeltà al Califfo dei musulmani Abu Bakr Al Quaraishi Al Baghdadi, nei momenti difficili e facili, nel mese di Rajab giorno 2 e Allah è
testimone di quello che dico». Il video è stato pubblicato su Telegram, e sempre tramite Telegram il 21enne avrebbe ricevuto la richiesta di lanciarsi sulla folla a bordo di un'auto. Sulla stessa chat Touray chiedeva ai confratelli islamici di pregare per lui: «Sono in missione», scriveva. È stato fermato all'uscita della moschea di Licola.

Il fermo del gambiano accusato di terrorismo è avvenuto venerdì scorso, 20 aprile. Il 24 il gip ha convalidato il fermo ed emesso a suo carico un'ordinanza di custodia cautelare con l'accusa di partecipazione a un'associazione terroristica denominata Islamic State o Daesh.

Al momento del fermo, nessun elemento faceva pensare che Touray fosse coinvolto in un progetto del genere: il gambiano era finito sotto osservazione a causa del suo giuramento di fedeltà al califfo Al Baghdadi e di altri elementi che indicavano una sua radicalizzazione. Durante l'interrogatorio, Touray - le cui dichiarazioni sono apparse a tratti contraddittorie e confuse - ha prima sostenuto di aver girato «per gioco» il video del giuramento, poi ha raccontato della richiesta di compiere un attentato lanciandosi sulla folla con un'auto, richiesta che gli sarebbe arrivata via Telegram da un connazionale: il giovane ha aggiunto che gli sarebbero stati promessi dei soldi in cambio di questo gesto, ma che lui non aveva mai avuto intenzione di attuarlo. Non sarebbe mai stato precisato dove e quando compiere l'ipotetico attentato.

I dettagli dell'operazione sono stati illustrati in una conferenza stampa cui hanno preso parte tra gli altri il procuratore di Napoli Giovanni Melillo, il capo della polizia Franco Gabrielli, il questore di Napoli Antonio De Iesu, il
comandante del Ros Pasquale Angelosanto.
Giovedì 26 Aprile 2018, 09:36 - Ultimo aggiornamento: 26-04-2018 22:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-04-26 16:47:06
In Gambia non c'è nssuna guerra,come la stragrande maggioranza dei paesi da cui arrivano questi immigrati,ma basta a tenere qua questa gente a spese nostre.
2018-04-26 15:48:54
ti e' concesso......al gay pride
2018-04-26 15:34:46
per(l'eventuale) accoglienza ci deve essere una sola discriminante; non devono essere mussulmani, si possono accogliere, ebrei, cristiani, buddisti, induismo, quaccheri shintoisti, copti, e sciamani mentre i mussulmani devono essere arrestati è concentrati.
2018-04-26 15:09:41
L'Italia il paese dove tutto e' permesso perche' altrimenti tutti quelli che si permettono di obiettare o dire la propria vengono bollati come razzisti,fascisti,nazisti,xenofobi o quant'altro.Facciamoci fare quello vogliono.Vogliono abbattere le chiese e costruire le moschee?Glie lo fanno fare.Vogliono portare il loro stile di vita e farcelo piacere?Glie lo fanno fare.Accoglienza a chi veramente scappa dalla guerra!Al momento solo i bambini Siriani meriterebbero asilo.PUNTO!!
2018-04-26 14:08:15
Ecco un'altra Risorsa at work, che "ci porterà a conoscere nuovi stili di vita, che presto saranno anche i nostri", e mentre i nostri figli espatriano in cerca di lavoro noi importiamo questi soggetti... complimenti.

QUICKMAP