Tutela dell'ambiente, i vincitori del concorso «Giovani della Campania per l'Europa» alla Gaiola

Da oggi il Parco Sommerso della Gaiola ospiterà per tre settimane gli studenti vincitori del corso/concorso Giovani della Campania per l'Europa - Diritti, Ambiente, Dieta mediterranea, Agricoltura».

Il concorso promosso dall'assessorato alle politiche giovanili della Regione Campania mira a sollecitare la creatività e il talento dei giovani campani e il rafforzamento dei valori dell’Europa sulle tre tematiche oggetto dell’azione: diritti, ambiente, dieta mediterranea e agricoltura.

L'edizione 2018, che ha ricevuto il patrocinio della rappresentanza in Italia della Commissione europea, ha replicato il successo dell’edizione 2017, vedendo la partecipazione di centinaia di docenti e il coinvolgimento di oltre mille studenti afferenti ai diversi istituti scolastici superiori della Campania.

La scelta per il soggiorno premio è ricaduta quest'anno anche sul Parco Sommerso di Gaiola quale best practice di recupero e valorizzazione del patrimonio naturalistico e culturale in Campania. Come è noto l'area della Gaiola divenuta area aarina protetta nel 2002, versava in profondo stato di degrado e abbandono. Il paziente lavoro del Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus, d'intesa con la Soprintendenza archeologica di Napoli, ha restituito un patrimonio unico, per troppo tempo dimenticato, alla regione Campania. Oggi il Parco è una fucina di attività di ricerca, laboratori didattici, educazione ambientale e formazione, oltre che un luogo unico da poter visitare attraverso differenti itinerari di visite guidate.

Il Parco quindi come simbolo di un recupero ambientale possibile e insegnamento per le nuove generazioni alla difesa del proprio territorio e del proprio patrimonio naturalistico e culturale.

Dal 31 Agosto all'11 settembre 58 ragazzi provenienti dai quattro istituti scolastici campani affiancheranno lo staff del Parco nelle varie attività di ricerca, tutela e divulgazione scientifica che si svolgono quotidianamente ed in più a loro verrà dedicato uno specifico percorso formativo alla scoperta dell'universo marino attraverso laboratori didattici, osservazioni al microscopio, immersione in diretta 3D sui fondali del Parco e attività di snorkeling.
Venerdì 31 Agosto 2018, 18:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP