Caso Cucchi, il racconto del carabiniere: «Spinte e calci in faccia: tentai di fermarli»

ARTICOLI CORRELATI
14
  • 2807
«Gli dissi 'basta, che c...fate, non vi permettete». Queste le parole che Francesco Tedesco disse ai suoi colleghi carabinieri Di Bernardo e D'Alessandro (anche loro imputati come lui di omicidio preterintenzionale, ndr) mentre uno «colpiva Cucchi con uno schiaffo violento in volto» e l'altro «gli dava un forte calcio con la punta del piede». È quanto si legge nel verbale di interrogatorio di Tedesco del 9 luglio 2018.

LEGGI ANCHE Ilaria Cucchi: «Il muro è stato abbattuto, ora chiedete scusa a Stefano»
LEGGI ANCHE Processo Cucchi, carabiniere accusa due colleghi per il pestaggio

«Fu un'azione combinata, Cucchi prima iniziò a perdere l'equilibrio per il calcio di D'Alessandro poi ci fu la violenta spinta di Di Bernardo che gli fede perdere l'equilibrio provocandone una violenta caduta sul bacino. Anche la successiva botta alla testa fu violenta, ricordo di avere sentito il rumore», racconta Francesco Tedesco. «Spinsi Di Bernardo -aggiunge Tedesco- ma D'Alessandro colpì con un calcio in faccia Cucchi mentre questi era sdraiato a terra».

 

​«Iniziai ad avere paura anche per un'altra ragione e cioé perché quando ero in ferie fui contattato da D'Alessandro e Di Bernardo i quali mi dissero che avrei dovuto farmi i c... miei». Si legge ancora nel verbale del carabiniere: «Il D'Alessandro, inoltre, mi aveva detto di aver cancellato quanto lui aveva scritto sul registro del fotosegnalamento». Tedesco ha anche parlato del suo rapporto con il maresciallo Mandolini, allora comandante della stazione Appia dove fu portato Cucchi che, secondo quanto sostiene Tedesco, sapeva di ciò che era accaduto. «Quando dovevo essere sentito dal Pm, il maresciallo Mandolini non mi minacciò esplicitamente ma aveva un modo di fare che non mi faceva stare sereno», mette a verbale Tedesco. E riferisce che prima di recarsi a piazzale Clodio per il primo interrogatorio del Pm, Mandolini gli disse: «Tu gli devi dire che stava bene, gli devi dire quello che è successo, che stava bene e che non è successo niente...capisci a me, poi ci penso io, non ti preoccupare».
Giovedì 11 Ottobre 2018, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-10-12 01:19:58
Santifichiamolo...la sorella deve chiedere scusa a tutte quelle persone che il fratello ha rovinato è indirettamente ucciso...di questo non parla mai.svegliatevi da questa ipocrisia ...
2018-10-11 23:31:43
Caro Stefano la tua sete di giustizia e stata appagata! !! La vita non è stata amica con te. ...mi dispiace. .. Adesso vai in pace libero felice e sereno....
2018-10-11 20:20:08
Spero solo che siano casi rari, ma alcuni delle forze dell'ordine si sentono di potere fare qualunque cosa impunemente. Mi da molto fastidio quando metto sul vetro della loro auto privata lo stemma delle forze dell'ordine, che vorrebbe dire quasi che la multa.......... e che l'auto non si deve toccare.......
2018-10-11 19:58:04
Credo che qualsiasi essere umano, drogato o non drogato, colpevole o non colpevole, debba essere in ogni circostanza rispettato. Se poi il presunto colpevole arriva al cospetto delle FF.OO. debba essere a maggior ragione difeso e protetto, non certamente aggredito fino a causargli la morte. Chi si è macchiato di tale crimine non merita alcuna indulgenza.
2018-10-11 19:05:11
Ilaria Cucchi si batte ormai da nove anni per suo fratello e dopo nove anni d'insabbiamenti piano piano fuoriesce la verità sul massacro di Stefano in un paese sempre più fascistoide.

QUICKMAP