Napoli, la truffa del cieco col motorino: controlli flop, così è possibile farla franca

ARTICOLI CORRELATI
di Ettore Mautone

8
  • 44
Che siano ciechi assoluti o gravi ipovedenti per accedere ai benefici e ai sostegni previsti dallo Stato le persone che non godono del bene della vista devono sempre passare dallo studio di un medico, dalla valutazione di una commissione Asl e dal vaglio dell'Inps che eroga materialmente i benefici. La cecità civile in Italia, a partire dal dopoguerra, è stata tra le prime condizioni di svantaggio ad essere salvaguardata per legge per la presenza di molti reduci di guerra.
 

Un giro di vite è scattato dal primo gennaio 2010. Una legge ha stabilito che il procedimento per l'accertamento dell'invalidità è attribuito all'Inps. Da quella data la domanda avviene in modo informatizzato e nella commissione Asl è prevista la presenza di un medico dell'Inps (ente che però conta su pochi dipendenti e consulenti in larga pare attinti al precariato). È sempre necessario coinvolgere, in prima battuta, il medico curante. La Commissione è composta da un medico legale e due medici di cui uno specialista in medicina del lavoro.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 12 Ottobre 2018, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2018 11:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 8 commenti presenti
2018-10-12 13:34:24
Che pacchia :con la pensione di cittadinanza a 780 euro ci sarà la corsa a farsi passare per invalido.
2018-10-12 19:29:04
non c'è bisogno di essere invalidi per acquisire il reddito di cittadinanza: basta semplicemente lavorare in nero e anche se guadagni 2000 euro al mese senza dichiarare niente, becchi anche i 780 euro. Fantastico, e li paga chi invece lavora dichiarando tutto.
2018-10-12 17:30:36
Guidava come nei rally: il passeggero gli dice: svolta a destra veloce... diritto per 100 metri... alt semafori !!!

QUICKMAP