Il ragno “iberico” più grande d'Europa è arrivato in Italia, ecco come evitarlo

Il ragno più grande d'Europa sbarca in Italia: ecco come evitare il macrothele calpeiana
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 8206
Il ragno “iberico” più grosso d'Europa è sbarcato in Italia: colore nero ossidiana, corpo e zampe coperti di peli e quattro occhi che sporgono vistosamente dalla testa. E' il macrothele calpeiana, ovvero un Mygalomorphae della famiglia Hexathelidae, specie senza pari, in quanto a dimensioni, con gli altri aracnidi autoctoni europei, diffusa finora nella penisola iberica e nel Nord Africa, con particolare presenza a Gibilterra. 

LEGGI ANCHE: «Il ragno violino? Pensavo a una zanzara, ecco come mi ha ridotta». Roma, la testimonianza choc
LEGGI ANCHE: Ragno violino, cosa fare in caso di puntura: il vademecum del Gemelli
 

Il maschio può raggiungere i cinque centimetri di lunghezza, mentre la femmina raggiunge gli 8. Il metodo di caccia preferito va dalla ragnatela classica, assai fitta, agli "imbuti", sfruttando le piccole cavità.



Rarissimi finora gli avvistamenti: due anni fa Segrate, nel milanese, due anni fa, e in questi giorni in Toscana, fra Venturina e Suvereto, nel livornese, come riporta Il Tirreno. Poche le altre segnalazioni, ma sufficienti a confermare che non si tratta più di una presenza aliena ma discretamente costante in alcune parti d'Italia in cui questo ragno riesce a trovare condizioni climatiche simili a quelle delle  zone d'origine. 

Secondo gli esperti,  il macrothele calpeiana raggiunge l'Italia grazie all'importazione di ulivi soprattutto ornamentali per poi diffondersi appunto negli uliveti e in terreni non troppo umidi e non esposti al freddo.

La specie è nota fin dai primi anni del 1800 e da allora non sono mai state segnalate morti, il che ha fatto classificare questo ragno fra quelli non pericolosi. Il morso può comunque essere doloroso per la dimensione delle chele. Chi ne trovasse un esemplare e riuscisse a catturarlo (non ci sono motivi per ucciderlo) può contattare l'Ente nazionale protezione animali che ne registra la presenza sul territorio italiano.     





 
Mercoledì 17 Ottobre 2018, 15:47 - Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 09:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP