Termovalorizzatori, Di Maio vs Salvini: «Non c'entrano una beneamata ceppa»

8
  • 30
«Quando si viene in Campania e si parla di terra dei fuochi si dovrebbero tener presenti la storia e le difficoltà di questo popolo. La terra dei fuochi è un disastro legato ai rifiuti industriali (provenienti da tutta Italia) non a quelli domestici. Quindi gli inceneritori non c'entrano una beneamata ceppa e tra l'altro non sono nel contratto di Governo». Così il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio in un post su Facebook riferendosi, senza citarlo, alle dichiarazioni del ministro dell'Interno Matteo Salvini a Napoli.
Giovedì 15 Novembre 2018, 14:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 8 commenti presenti
2018-11-15 16:12:05
ma che diamine va dicendo? Mi mostri una ed una sola ricerca seria in cui si dimostra una qualche correlazione tra tumori ed inceneritori. Forza, attendo i suoi dati
2018-11-15 17:31:53
Lei quando lo ha chiesto agli acerrani? Molto probabilmente non sa neanche dove si trova Acerra. Di maio ha torto e ragione. I rifiuti domestici, correttamente smaltiti e differenziati, possono facilmente essere quasi completamente eliminati attraverso il riciclo, il compostaggio ed i termovalorizzatori (che non inquinano e non ammazzano nessuno in quanto tali). Eppure improvvisamente dimentica le passeggiate sorridenti fatte con quattro mamme e quattro carrozzini a contestare ed alzare barriere. Eppure l'inquinamento c'era e c'è; quello da interramento di rifiuti industriali provenienti quasi tutti dal nord (anche i nostrani ne hanno approfittato). Chi non ricorda le pecore di Acerra. Imprenditori (quasi tutti del nord) che prima della crisi, si prima della crisi, baravano sul corretto smaltimento dei residui produttivi, rimpinguavano le casse, e non pagavano le tasse. E anche questi sono quelli che hanno debiti con l'Agenzie/exEquitalia. Ed a loro difesa, con condoni, sconti ed abbuoni si batte salvini. Quello stesso che oggi viene da queste parti sventolando bandiera di legalità. E come merce di scambio ha concesso altri condoni, sconti ed abbuoni. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole in uno Nazione in cui lo stato di diritto regredisce ogni giorno di più. Saluti.
2018-11-15 20:07:49
condivido in toto

QUICKMAP